Progetto Icaro, alunni premiati per la sicurezza stradale

Tra i testimonial della giornata le ragazze della squadra femminile di ciclismo delle Fiamme oro, atleta paralimpico Giorgio Farroni e Pio Piscicelli giovane attore della serie televisiva ‘Braccialetti rossi

Roma – Premiati oggi al ministero dell’Istruzione i vincitori del concorso Icaro dedicato alla sicurezza stradale. Promosso dal ministero delle Infrastrutture, ministero dell’istruzione e Polizia di Stato – con la collaborazione dell’universita’ La Sapienza e altri partner – e’ nato 18 anni fa ed e’ cresciuto grazie alla sempre maggiore partecipazione e coinvolgimento della comunita’ scolastica e delle istituzioni coinvolte.

Per la scuola secondaria di I grado a ricevere il premio sono stati gli alunni dell’Istituto comprensivo Pier delle Vigne di Capua. Il primo premio per la scuola secondaria di II grado e’ stato assegnato all’Istituto Avogadro di Torino con il video “Il pericolo non manda notifiche”. Secondo classificato l’Istituto tecnico Einaudi di Ferrara con “La giusta ricetta”.

Il divertimento aiuta a capire l’importanza delle cose, i progetti hanno un senso se ci si diverte, si capisce lo scopo e si riesce a cambiare i comportamenti“, ha detto ai ragazzi presenti Roberto Sgalla, Direttore centrale delle Specialita’.

E il progetto Icaro ha l’obiettivo di sensibilizzare i ragazzi a prestare attenzione, a non distrarsi, a conoscere le regole della strada e rispettarle fin da piccoli: in auto, in motorino, a piedi o in bicicletta. Nel 2016 – ha ricordato Sgalla – i morti per incidenti stradali sono stati circa 3300, un numero elevato, e l’educazione stradale e’ uno strumento importante per prevenire e contribuire a far scendere il numero delle vittime.

Tra i testimonial della giornata le ragazze della squadra femminile di ciclismo delle Fiamme oro che hanno spiegato ai ragazzi le regole da rispettare quando si e’ in strada con la bicicletta. Presenti anche l’atleta paralimpico Giorgio Farroni e Pio Piscicelli giovane attore della serie televisiva ‘Braccialetti rossi’ che ai suoi coetanei ha ricordato l’importanza di “fare attenzione in strada, io sono una persona molto distratta quindi non seguite il mio modello” ha scherzato. Al termine della manifestazione e’ stata anche lanciata la nuova edizione di Icaro e la campagna “gite sicure”, promossa dal 2016 da Miur e Polizia di stato.

Toccafondi: “Con Icaro sosteniamo educazione sicurezza stradale”

“Dobbiamo continuare a sostenere l’Educazione alla Sicurezza Stradale nelle scuole, per far comprendere agli studenti l’importanza di questo tema. Il progetto ‘Icaro’, realizzato in collaborazione con la Polizia Stradale, ci aiuta ad andare in questa direzione, apportando una reale sensibilizzazione e responsabilizzazione dei ragazzi. Dai numeri della diciassettesima edizione si percepisce la validita’ del progetto e l’interesse delle scuole per l’educazione stradale: hanno partecipato complessivamente 318 istituti scolastici, 184 scuole secondarie di primo grado e 134 scuole secondarie di secondo grado, dislocati su tutto il territorio nazionale, per un totale di 11.513 studenti formati. Il Miur ha creduto e realizzato anche un sito ad hoc, www.edustrada.it, al quale tutti diversi soggetti istituzionali collaborano mettendo online progetti di educazione stradale che sono liberi e gratuiti per tutti gli utenti. Ad oggi, sono registrate al portale oltre 1.000 scuole e sono migliaia gli utenti che lo utilizzano regolarmente. Segno che il tema della sicurezza stradale e’ entrato a pieno nel percorso educativo. Un percorso che non facciamo mai da soli ma in collaborazione con gli operatori del settore. La Scuola e’ sempre piu’ spesso chiamata a proporre modelli formativi efficaci ai ragazzi in tema di sicurezza stradale, parliamo di un’importante missione educativa che deve basarsi sulla conoscenza dei fattori e delle variabili che possono essere garanzia di maggiore efficacia dei progetti sul tema, nonche’ su esperienze progettuali gia’ realizzate e di cui e’ stata testata l’efficacia”.