Ho perso la verginità tempo fa ma ogni tanto ho perdite di sangue…

Ho 25 e da un mese e mezzo circa ho perso la verginità (con molto dolore).Ogni tanto mi capita di vedere perdite di sangue rosso vivo.

Buongiorno,
Mi rivolgo a Voi per un parere. Ho 25 e da un mese e mezzo circa ho perso la verginità (con molto dolore); lo scorso mese, a seguito di una masturbazione prolungata ho avuto delle piccole perdite di sangue rosso vivo, risolte nel giro di un paio di ore e ho imputato tutto a un “assestamento” a seguito della perdita di verginità. Ieri, durante un rapporto completo protetto (più “energico” degli altri),  ho avuto ancora delle piccole perdite rosse, anche queste risolte nel giro di due ore. Inoltre, a volte avverto una tensione interna che mi provoca un leggero dolore al momento della penetrazione. Ho fatto la visita ginecologica a giugno (però ero ancora vergine)e non mi ha segnalato nulla. Dovrei rifare la visita? Oppure è meglio tenere monitorata la situazione ancora un po per vedere se si ripetono questi episodi? Vi ringrazio.

Anonima, 25 anni


Cara Anonima,
la perdita della verginità significa la rottura dell’imene, ossia la membrana che riveste l’ingresso della cavità vaginale.
Questa sottile superficie non sempre si rompe attraverso il primo rapporto. A volte può accadere prima che avvengano rapporti sessuali attraverso magari un’attività fisica come lo sport. Altre volte, invece, la lacerazione avviene in più momenti prolungando il processo che tendenzialmente siamo portati a vedere come singolo episodio.
Possiamo dire che emotivamente esiste una “prima volta” al quale leghiamo la prima esperienza di rapporto completo ma ovviamente questa è un’insieme non solo di processi fisiologici (rottura dell’imene) ma anche di aspetti emotivi e psichici importanti.
In alcuni casi la membrana si lacera non completamente e, proprio per questo, nei rapporti successivi possiamo notare piccole perdite ematiche, anche se è trascorso del tempo dalla prima penetrazione.
Per questi motivi non ci sembra che si stia verificando una condizione che possa essere considerata allarmante.
In ogni caso, quando si inizia ad avere un’attività sessuale sarebbe utile rivolgersi ad un professionista in grado di dare consigli anche in base a quello che può constatare attraverso una visita.
Da quello che ci scrivi la visita che hai fatto è avvenuta prima di avere il tuo primo rapporto e quindi potrebbe essere necessario effettuarne un’altra tra qualche tempo o, se i disagi dovessero persistere, puoi anticipare tale impegno.
Speriamo di averti fornito informazioni utili.
Un caro saluto!