Sanremo visto da noi: seconda serata. L’articolo di Sara Tarantino

(L’articolo della studentessa Sara Tarantino nell’ambito dell’iniziativa Sanremo visto da noi)

Sanremo, regalaci di più!

 

Il 7 febbraio è andata in onda anche la seconda serata del Festival italiano. A scaldare il palco ci hanno pensato le nuove proposte, primo di tutti Lorenzo Baglioni (il quale si dichiara assolutamente slegato da rapporti familiari con il direttore artistico) che ha presentato una canzone davvero particolare: Il congiuntivo; sicuramente un ottimo metodo per rendere l’Italia, che prima di questo pezzo non aveva idea dell’esistenza di questo sconosciutissimo verbo, un posto migliore. Ma è un brano all’altezza di un festival tanto importante? Forse sì, forse no, tanto che il brano finisce al secondo posto della classifica della prima serata (Durante la quale si sono comunque esibite solo le prime quattro nuove proposte). A seguirlo, si è esibita Giulia Casieri con “Come stai”, attualmente terza classificata; Mirkoeilcane con “Stiamo tutti bene” non ha riscosso un gran successo, si è piazzato all’ultimo posto; infine Alice Caioli con “Specchi rotti” si è momentaneamente guadagnata il primo posto.

Chiusa la parentesi delle giovani proposte, sul palco sono tornati ad esibirsi i big in gara, primi fra di loro Le Vibrazioni. Per iniziare alla grande, però, i conduttori ci hanno riportato nel mondo della Walt Disney con il riferimento ad una scena del famoso cartone animato “Biancaneve”. Peccato che il pubblico si aspettava qualcosa in più da questa edizione di Sanremo che è stata fra l’altro molto criticata per la predominanza di artisti di “età avanzata”; più che un festival dedicato agli italiani, sembrerebbe un festival dedicato agli antichi latini!

A rendere l’atmosfera interessante, hanno contribuito grandi personalità tra cui Pippo Baudo, che ha ricordato il suo passato presso il palco dell’Ariston, Biagio Antonacci, il Volo, con il loro omaggio a Sergio Endrigo, e molti altri. Da ricordare è certamente la performance dell’artista internazionale Sting, che è stato poi accompagnato anche dal rapper Shaggy in un pezzo da un mood sui toni Reggae.

Riguardo il caso Meta-Moro (accusati di plagio) sembrebbero esserci progressi: la canzone non esce fuori dai canoni del regolamento, dunque già dalla terza serata potranno ritornare in gara. Ad ogni modo, nonostante i grandi ascolti che queste due serate di festival hanno registrato, gli italiani aspettano solamente qualcosa di fresco, di nuovo che li stupisca e li lasci incantati a fissare lo schermo della loro tv.

di Sara Tarantino