Foibe, sulla Rai programmazione dedicata al Giorno del Ricordo

ROMA – Anche quest’anno, in occasione del Giorno del Ricordo, la Rai ha messo a punto un ampio palinsesto in tv e alla radio, su Reti, Testate e Web per ricordare le vittime delle Foibe e il dramma dei tanti italiani, spogliati di tutti i loro averi, in fuga dall’Istria, Dalmazia e Friuli Venezia Giulia, sul finire della seconda guerra mondiale e nell’immediato dopoguerra.

Con informazione, film, fiction, approfondimenti e testimonianze verrà ripercorsa una delle pagine più cupe della nostra storia contemporanea – una vicenda di violenze e vendette troppo a lungo dimenticata – quando tra il 1943 e il 1947 migliaia di italiani furono massacrati, gettati vivi o morti nelle cavità carsiche dell’Istria e della Dalmazia, le foibe appunto, utilizzate dai partigiani jugoslavi agli ordini di Tito come fosse comuni per esecuzioni sommarie collettive.

Un genocidio riconosciuto ufficialmente nel 2004, con la legge che istituì questa “solennità civile nazionale italiana”, celebrata il 10 febbraio di ogni anno per «conservare e rinnovare la memoria della tragedia di tutte le vittime delle foibe, dell’esodo dalle loro terre degli istriani, fiumani e dalmati nel secondo dopoguerra e della più complessa vicenda del confine orientale».

La programmazione dedicata al Giorno del Ricordo

Nella giornata di sabato 10 Rainews seguirà in diretta la cerimonia alla Foiba di Basovizza (Trieste), luogo riconosciuto come monumento nazionale, con collegamenti dal campo profughi di Padriciano che per oltre vent’anni accolse gli esuli istriani, fiumani e dalmati, cacciati dalle proprie case.

Saranno trasmessi anche servizi e approfondimenti, fra cui la testimonianza di Erminia Bernobi, cugina e oggi unica parente in vita di Norma Cossetto, giovane violentata, torturata e gettata in una foiba. A questa si unirà anche la testimonianza di Giacomo Crosilla (il padre fu gettato in foiba e sua sorella è morta nella strage di Vergarolla) che ha ricevuto la medaglia d’onore del Presidente della Repubblica.

Tanti i servizi di Rainews con dettagliate ricostruzioni storiche degli eventi.

Rai Premium trasmetterà poi alle 21.20 una delle fiction Rai di maggior successo e impatto emotivo, “Il cuore nel pozzo”, per la regia di Alberto Negrin, con Leo Gullotta, Beppe Fiorello, Anna Liskova, trasmessa per la prima volta nel 2005.

Nello scenario del paesaggio istriano, le immagini riportano al periodo in cui il secondo conflitto mondiale sembra ormai volgere al termine. I tedeschi si ritirano dalla zona di occupazione italiana che era stata annessa mentre si fanno prepotentemente avanti i titini che dilagano fino a Trieste. Attraverso il racconto di quei giorni descritti dal giovanissimo protagonista, si disvela la sconvolgente verità di vicende atroci e sanguinose generate dalla pulizia etnica dei seguaci di Tito.

Ricca la programmazione di Rai Storia: alle ore 8.50 (replica alle 14:00, 20:30, 00:30) andrà in onda Passato e Presente – Il dramma Giuliano-Dalmata. Il film

Il giorno e la Storia verrà trasmesso alle ore 00.10 (replica alle 5:30, 8:30, 11:30, 14:00, 20:10).
Alle 16 Rai Storia proporrà Mille Papaveri Rossi-TG2 Dossier, Orrore dimenticato e alle 21:10 il documentario L’ultima spiaggia. Pola fra la Strage di Vergarolla e l’Esodo.

Infine alle 22.10 sarà trasmesso il docufilm Trieste, la contesa.  Rai Scuola proporrà alle 18.30 lo speciale Le foibe: il dolore e l’esilio.

Oltre ai diversi programmi sulle sue reti, Rai Cultura commemora il Giorno del Ricordo con uno Speciale Web sul portale di Rai Storia: online i commenti di vari storici, da Giovanni Sabbatucci (che si concentra sull’ istituzione del Giorno del Ricordo) a Raoul Pupo ed Ernesto Galli della Loggia.

Radio Rai seguirà la ricorrenza del Giorno del Ricordo con servizi nelle maggiori edizioni dei Giornali Radio: dall’appuntamento istituzionale del venerdì al Senato della Repubblica fino alle iniziative organizzate per la giornata di sabato 10 febbraio.

Gli account social promuoveranno tutta la programmazione.

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it