attualita

Non solo Fake News: il web è anche fonte di conoscenza

ROMA – Negli ultimi anni si parla del web più per denunciarne i pericoli che per ricordarne gli enormi pregi.
Ed ecco quindi numerosi gli spazi dedicati alle “Fake News” o agli usi poco corretti dei social.
Ma poco si nota la crescita costante di un uso consapevole di internet anche per migliorare se stessi, per imparare, per formarsi.

Da una analisi dei flussi svolto da SEMrush.com (il più noto ed importante tool di analisi web), negli ultimi 3 anni c’è stato un aumento del 23% di ricerche per corsi, video corsi, approfondimenti a scopi formativi.
Un segnale importante ed una tendenza in costante aumento, che testimonia come in rete non si cerca affatto solo porno o notizie farlocche.

Tra le proposte ricercate si trova davvero di tutto: dalle materie scientifiche a quelle umanistiche, da corsi di marketing e vendita a quelli per il tempo libero.
E si cercano corsi gratuiti, ma anche quelli a pagamento.
Il web diventa così uno strumento prezioso per automigliorarsi, per capire di più, per lavorare meglio.

Si stima che solo in Italia, tra le diverse proposte disponibili, esistano più di 5000 siti o portali che propongono, a diverso titolo e con diverse forme, attività formative agli utenti. E questo escludendo dalla ricerca le Università, siano esse online o offline.