spettacolo

L’attesa è finita: LORO di Paolo Sorrentino nel primo trailer

ROMA – Dopo il grande successo de La Grande Bellezza, Paolo Sorrentino torna a raccontare sul grande schermo i party, il sesso, i salotti e la ricchezza. Insomma, i vizi che persuadono l’uomo. Con LORO il regista partenopeo lo fa attraverso la figura di Silvio Berlusconi. Nel ruolo dell’imprenditore, Toni Servillo.  La nuova pellicola, al cinema con Universal Pictures, sarà divisa in due parti: LORO 1, che uscirà nelle sale italiane il 24 aprile. LORO 2, invece, il 10 maggio

LORO, il trailer

Accanto a Toni Servillo, protagonista del film, Elena Sofia Ricci, Riccardo Scamarcio, Kasia Smutniak, Euridice Axen, Fabrizio Bentivoglio, Roberto De Francesco, Dario Cantarelli, Anna Bonaiuto, Giovanni Esposito, Ugo Pagliai, Ricky Memphis, Lorenzo Gioielli, Alice Pagani, Caroline Tillette, Elena Cotta, Iaia Forte, Duccio Camerini, Yann Gael, Mattia Sbragia, Max Tortora, Milvia Marigliano, con l’amichevole partecipazione di Michela Cescon e con Roberto Herlitzka. 

I due film sono diretti da Paolo Sorrentino e scritti insieme a Umberto Contarello. Luca Bigazzi firma la fotografia, Cristiano Travaglioli il montaggio, Lele Marchitelli le musiche, Stefania Cella la scenografia, Carlo Poggioli i costumi.  Il film è prodotto da Nicola Giuliano, Francesca Cima, Carlotta Calori, Viola Prestieri.

LORO 1 e LORO 2  sono una coproduzione Italia-Francia: Indigo Film per l’Italia, Pathé  e France 2 Cinéma per la Francia. In Italia i film saranno distribuiti da Universal Pictures International Italy per Focus Features mentre Pathé curerà le vendite internazionali. 

LORO, il teaser trailer 

In considerazione dell’impegno di Focus – ha detto il presidente dello studio cinematografico, Robert Walak –  a collaborare con cineasti internazionali nei loro Paesi di origine, siamo orgogliosi di lavorare con Paolo in occasione di questo suo nuovo straordinario progetto. Egli è capace di unire humor e umana comprensione, come nessun altro sa fare. ‘Loro’ rappresenta la sua particolare visione di come uno degli uomini più accattivanti del mondo sia riuscito a ridefinire il concetto di potere in un’epoca dominata dai media, come la nostra”.