Ecco cinque mete gay friendly da scoprire in Europa

Se siete stanchi dei soliti tour, ecco cinque mete da scoprire secondo il travel blogger Giuseppe Giulio

ROMA  – Qual è il più trendy del momento? Vi piacerebbe trascorrere il vostro prossimo viaggio di primavera in un quartiere gay friendly? Perché proprio in queste strade troverete il cuore pulsante di una città che veste a colori!

Se siete stanchi dei soliti tour, ecco cinque mete da scoprire secondo il travel blogger Giuseppe Giulio insieme alla redazione di Diregiovani per vivere l’Europa come un vero viaggiatore Lgbt. Partite (o prenotate) subito!

viaggi gay friendly

Che cosa vi spinge verso la gay street di Roma?

Azzurre, rosse e verdi: il quartiere gay friendly della capitale d’Italia – al di là della dolce vita – è un piccolo paradiso per le proprie vacanze di primavera. A colorarlo sono le numerosissime storie che affollano ogni giorno la gay street a pochi passi dal Colosseo. Ci si arriva comodamente a piedi dalla stazione Termini oppure in metro, con la linea B. Merita un salto all’ora del tramonto, il Coming Out, punto di riferimento della comunità Lgbt romana oppure il My Bar, per bere un drink e conoscere nuovi amici. Per dormire c’è il First Floor. Diciamo che Roma è decisamente una meta imperdibile tra le destinazioni low cost da vedere subito!

Che cosa cercate in un look ad Amsterdam?

Avete in programma un viaggio verso la Venezia del Nord? Non potevate avere idea migliore! Amsterdam è una destinazione per ogni viaggiatore Lgbt che si rispetti! Smentite il pregiudizio che vuole la capitale olandese una città grigia. Basta andare al Grachtengordel, il quartiere gay friendly della città. Una zona imperdibile da segnare in agenda, circondata da facciate colorate. Un luogo in cui sparisce la sensazione di essere in una metropoli europea. Da non perdere? Reguliersdwarsstraat e bar come: Reality Bar, Prik e il Café’t Mandje. Ricordate solo di mettere in valigia qualcosa di veramente colorato, che non sia solo la vostra bandiera arcobaleno: perché ogni motivo sarà buono per festeggiare e durante la primavera, Amsterdam diventa di un solo colore: l’arancione!

Che cosa amate di più di Parigi?

Cielo azzurro e atmosfera colorata, l’uno attaccato all’altro. Sarà vero? Il quartiere gay friendly di Parigi Marais a nord della città sembra un esplosione di colori. Una zona della città, abitata dai cosiddetti Bobo, ovvero borghesi bohémien, noti per il loro multiculturalismo e per una spiccata tendenza al multicolor, che spesso ha stregato il mondo del cinema e della moda. Per rendere indimenticabile il vostro soggiorno si può fare un salto rigorosamente gay friendly al Cox Cafe e al Freedj. Le tentazioni della capitale francese vi stregheranno e sarà difficile lasciarle. Del resto, come diceva Audrey Hepburn, “Parigi è sempre una buona idea (gay friendly)”.

Come cambierà la vostra vita dopo Londra?

Siete pronti per una vacanza di primavera a Londra ‘col botto’? La capitale britannica è da sempre la meta delle mille sorprese e opportunità e Soho è uno dei quartieri centrali e gay friendly più eclettici e spettacolari della città. Un’aerea multiculturale, con abitanti, negozi e curiosità di tutte le etnie, nonché un’alta percentuale di locali e residenti Lgbt. Se volete trascorrere un viaggio gay friendly in pieno relax e divertimento e riempirvi gli occhi di magia, e perché no di felicità, fate un salto al Village Soho oppure al Friendly Society. Non resta che dire: “if you wanna be my lover!

Qualcuno che vi piacerebbe fotografare a Barcellona?

Magari in occasione del Primavera Sound oppure del Pride? Se avete in mente una fuga (low cost) all’insegna del divertimento e dell’arte, la città del ‘vamos a bailar‘ è la meta che fa per voi! Il quartiere gay friendly della città? È di sicuro Eixample, meglio conosciuto come Gayexample. La zona ospita il maggior numero di bar a tema Lgbt della città, tra questi: il Punto BCN. Qualunque siano le vostre passioni, la magica Barcellona le soddisferà una per una! Pronti a far festa?