Lo spotting e i dolori alle ovaie segnalano che la pillola non è tollerata?…

Viaggiando su internet ho trovato storie di ragazze incinte anche se raccontano di aver preso sempre correttamente la pillola e questa cosa mi ha lasciato di stucco. E’ possibile che ci siano questi casi? la pillola quando non fa effetto?

Buon giorno, mi scuso per le continue mail ma viaggiando su internet ho trovato storie di ragazze incinte anche se raccontano di aver preso sempre correttamente la pillola e questa cosa mi ha lasciato di stucco.
io sapevo che la pillola era sicura al 99% quasi ovviamente se è sempre presa nella stessa fascia oraria o senza far passare le 12h . è possibile che ci siano questi casi? la pillola quando non fa effetto? lo spotting e i dolori alle ovaie segnalano che la pillola non è tollerata o devo aspettare un tot di tempo per capire?
La ringrazio
Cordiali saluti

Francesca


Cara Francesca,
capiamo perfettamente tutti i tuoi dubbi anche perchè su internet è veramente uno spazio privo di limiti e controlli, dove no sempre le informazioni vengono riportare nella maniera più corretta. E’ sempre bene affidarsi a siti riconosciuti e specializzati. Anche se siamo fermamente convinti che lo spazio digitale sia solo un primo step iniziale di contenimento e infarinatura generale, soprattutto se le domande riguardano la nostra salute è sempre bene confrontarsi con esperti vis a vis che potranno prendere in considerazione la storia anamnestica individuale e approfondire con diversi strumenti qualora fosse necessarie per restituire risposte più puntuali e dettagliate.
Come hai suggerito tu la pillola è un contraccettivo che viene considerato valido al 99%, oltre ad avere un’efficacia contraccettiva elevatissima ha molti vantaggi :  è facile da prendere e, cosa più importante, non influisce affatto sul rapporto sessuale. Rimane il fatto che, per garantire la totale protezione, è necessario seguire le istruzioni in modo preciso, cercando di evitare dimenticanze, rispettare l’ora di assunzione e nel caso in cui si verifichino episodi di vomito o di diarrea ripetuti entro le prime 3-4 ore dall’assunzione della pillola è consigliato assumere una compressa supplementare entro le 12 ore dall’episodio, in modo da garantire l’efficacia del contraccettivo orale. Ci sono anche alcuni farmaci che possono interagire con la pillola, che vengono specificati nel bugiardino del contraccettivo, in quei casi è sempre bene avvertire il medico che prescrive i farmaci della tipologia di pillola che si assume in modo da trovare farmaci complementari oppure viene consigliato l’utilizzo di un contraccettivo supplementare come il preservativo, durante la cura e i successivi 7 giorni. 
Per quanto riguarda gli episodi di spotting può accadere durante l’assunzione della pillola anticoncezionale che si verifichi il fenomeno delle perdite durante i primi mesi, per poi scomparire, una volta che l’organismo si è abituato al nuovo dosaggio ormonale.
Generalmente sono dovute allo sfaldamento della mucosa uterina (tessuto endometriale). Ogni mese questo tessuto endometriale, in seguito all’interazione tra ormone estrogeno e progestinico, aumenta per poi essere espulso attraverso le mestruazioni.
Talvolta, le pillole di ultima generazione, a causa anche del basso dosaggio estrogenico non consentono di mantenere integre le pareti dell’endometrio ed è per tale ragione che si possono verificare le perdite di sangue prima del ciclo da sospensione. Se hai assunto in maniera corretta la pillola la possibilità che tu possa essere incinta è altamente improbabile. E nel tuo caso specifico non ci sono stati in nessun modo episodi che ti hanno esposto a rischi particolari.
Altre volte lo spotting può essere legato a situazione di forte stress emotivo, oppure a diete drastiche o assunzioni di farmaci. Per cui stai tranquilla! Se invece dovessi notare la persistenza di queste irregolarità ti consigliamo di rivolgerti al tuo ginecologo per valutare insieme la situazione, magari basta anche un semplice cambio di pillola. L’assunzione della pillola richiede sempre un monitoraggio nel tempo in quanto a volte è necessario apportare modifiche nella prassi anticoncezionale anche in base alle personali variazioni fisiologiche che solo uno specialista può gestire adeguatamente.
Speriamo di esserti stati d’aiuto, ma ribadiamo l’importanza di confrontarsi anche con il tuo ginecologo di fiducia che ti prescritto la pillola siamo sicuri che un confronto vis a vis può essere molto più rassicurante. A volte abbiamo paura dei medici, delle domande che poniamo ci sembrano stupide, o ci sembrano di essere troppo invadenti, ma invece loro sono lì proprio per fornire tutte le informazioni utili che permettano di arginare i timori più reconditi.
Un caro saluto!