Attentato di Manchester, un anno dopo: il ricordo delle vittime

Ventidue persone sono state uccise (23 compreso l'attentatore) e centinaia ferite in seguito all'esplosione di una bomba alla fine di un concerto di Ariana Grande il 22 maggio 2017

ROMA – Una commemorazione nella cattedrale, un minuto di silenzio e una veglia segnano il primo anniversario dell’attacco terroristico alla Manchester Arena.
Ventidue persone sono state uccise (23 compreso l’attentatore) e centinaia ferite in seguito all’esplosione di una bomba alla fine di un concerto di Ariana Grande il 22 maggio 2017.
Alla commemorazione nella cattedrale di Manchester, prevista per le 14.00, parteciperanno anche il primo ministro inglese Theresa May e il principe William.
Seguirà un minuto di silenzio nazionale alle 14.30, mentre in serata sono previste altre manifestazioni.

Sono le 22,35 del 22 maggio quando un’esplosione ha creato attimi di puro terrore al termine del concerto di Ariana Grande alla Manchester Arena.
Una bomba di chiodi fatta esplodere nell’area della biglietteria, dove il pubblico si affollava per uscire.
Sono centinaia i feriti e 23 i morti, compreso l’attentatore, Salman Abedi.
Tra le vittime una bambina di soli 8 anni.

2018-06-05T15:30:40+02:00