#Maturità2018. Napoli, ragazzi liceo Silvestri: "Prova matematica difficile ma liberatoria"

#Maturità2018. Napoli, ragazzi liceo Silvestri: “Prova matematica difficile ma liberatoria”

NAPOLI – I ragazzi del liceo scientifico ‘Filippo Silvestri’ hanno sostenuto la seconda prova, dieci quesiti matematici e un problema che e’ stata la vera bestia nera della seconda giornata di esame di stato. “Io il problema non l’ho neanche toccato, era davvero molto difficile, spero che gli altri esercizi siano andati bene, in generale pero’ credo che siano stati tutti in difficolta’, anche i compagni piu’ bravi in matematica”, cosi’ Michele ai microfoni di Diregiovani.

La sensazione e’ che i quesiti non tengano conto dei diversi programmi che vengono seguiti, non solo nelle diverse scuole ma anche tra classi dello stesso istituto: “Noi ci siamo allenate tantissimo quest’anno in classe con la professoressa, fatto sta che al primo problema, quello con le piastrelle abbiamo sgranato gli occhi. Difficilissimo”, sottolineano con una punta di amarezza Francesca e Roberta. “Poteva andare meglio ma almeno e’ finita”, concludono le ragazze ridendo.

Gli studenti muovono qualche critica anche sulla scelta dei quesiti soprattutto quelli di probabilita’: “Durante gli anni io questi quesiti non li ho mai visti, non ha molto senso inserirli nell’esame finale dove si dovrebbe avere una valutazione complessiva, perche’ alla fine poi ci si sente anche in diritto di copiare”, racconta Giulio.

Il peggio pero’ e’ passato, c’e’ gia’ qualcuno che lancia un urlo liberatorio appena uscito. Gli esami pero’ non sono finiti, manca ancora la terza prova, ma soprattutto gli orali, dove i ragazzi si sono davvero sbizzariti: “Non vedo l’ora, io porto la vita di Coco’ Chanel e ogni citazione l’ho collegata a una materia, credo sia elegante”, conclude Roberta scatenando le risate generali.

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it