VENEZIA 75, Premio Leoncino d'Oro: studenti pronti a votare

VENEZIA 75, Premio Leoncino d’Oro: studenti pronti a votare

Nel video i giovani giurati si raccontano ai nostri microfoni

LIDO DI VENEZIA –  Giovani giurati, appassionati di cinema. Queste sono le caratteristiche del team del premio Leoncino d’Oro, giunto quest’anno alla sua 30esima edizione e 39esima segnalazione Cinema for UNICEF.

Ogni anno alla Mostra del Cinema di Venezia, che quest’anno spegne 75 candeline, il mondo della scuola si fonde con quello del cinema. Ed è proprio questa la mission dell’Associazione generale italiana dello spettacolo (Agis), che ha istituito il premio Leoncino d’Oro, uno dei più significativi tra i riconoscimenti collaterali alla kermesse veneta.

Ad assegnarlo il 7 settembre ad uno dei film presentati alla Mostra è una giuria composta da venti ragazzi, selezionati attraverso un concorso che coinvolge gli oltre 6000 studenti giurati del premio ‘David Giovani’ in 61 sedi su tutto il territorio nazionale e accomunati dalla grande passione per il cinema.

Il Leoncino d’Oro si inserisce appieno nel quadro delle attività dell’Agiscuola, il cui scopo principale è quello di avvicinare i giovani al cinema e al teatro intesi come momenti e mezzi di formazione, accanto agli altri linguaggi iconico-verbali propri di una scuola che ormai non può più essere tradizionale e tradizionalista ma che deve aprire le porte a nuove esperienze e sollecitazioni sociali, pedagogiche e didattiche.

I dubbi su quale film votare vengono spazzati via dall’emozione. Per i ragazzi essere qui rappresenta un’importante esperienza, impossibile da dimenticare. Le anteprime dei film, le star del cinema nazionale ed internazionale, conferenze e dibattiti e molto altro. Ma calcare il red carpet con la maglietta in onore alle vittime del disastro di Genova è stato per gli studenti il momento più significativo di questo viaggio.

Il Leoncino d’Oro è un’opportunità che i ragazzi hanno colto al volo con entusiasmo e impegno. Nel video i giovani giurati si raccontano ai nostri microfoni.