Eravamo entrambi con gli indumenti umidi e lei era nel periodo fertile...

Eravamo entrambi con gli indumenti umidi e lei era nel periodo fertile…

Buongiorno. Scrivo perché è da due giorni che ho una preoccupazione che mi assilla. Questa settimana ho praticato petting con la mia ragazza: io avevo boxer e pantaloncini del pigiama, lei mutandine e pantaloncini leggeri. Eiaculando i miei indumenti sono diventati umidi e la mia ragazza si è preoccupata perché non voleva che per caso il suo intimo si fosse spostato durante lo sfregamento, lasciandola scoperta in parte. Insomma: eravamo entrambi con gli indumenti umidi e lei era nel periodo fertile. C’è motivo di stare in ansia?

Anonimo


Caro Anonimo,
con il solo petting, quindi contatto esterno degli organi, non può avvenire la fecondazione, in quanto non vi è una penetrazione completa. Il rischio, durante il petting, può esserci nel momento in cui sia inserito in vagina un dito sporco di liquido appena eiaculato e sempre durante il periodo fertile della ragazza. E non ci sembra sia il tuo caso.
Tieni presente inoltre che gli indumenti creano una ulteriore barriera e lo sperma non è in grado di attraversare i tessuti. Lo sperma esposto ad ambienti esterni non sopravvive a lungo se non per qualche istante i quanto non ci sono le temperature e il ph adeguato.
I rischi di una gravidanza dovrebbero essere veramente minimi se non nulli in quanto comunque non essendoci un rapporto completo lo sperma difficilmente dal canale esterno riesce a risalire da solo le tube fino ad arrivare all’ovulo maturo. Se può esservi d’aiuto potreste effettuare un test di gravidanza valido sin dal primo giorno di ritardo oppure dopo 12/14 giorni dal presunto rapporto a rischio.
Per rendere la sessualità più sicura e serena potreste confrontarvi sui diversi metodi contraccettivi presenti in commercio e scegliere quello che maggiormente rispecchia le vostre esigenze.
Un caro saluto!

 

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it