Grande Fratello VIP, Codacons: "No Francesco Monte nella casa"

Grande Fratello VIP, Codacons: “No Francesco Monte nella casa”

ROMA – Il Codacons ha presentato un esposto all’Autorità per le comunicazioni (Agicom) contro la partecipazione di Francesco Monte alla prossima edizione del Grande Fratello Vip, in onda su Canale 5 dal prossimo 24 settembre, chiedendo all’Agcom di intervenire anche attraverso la sospensione del programma televisivoAl centro della questione, lo scandalo “cannagate” che ha visto lo stesso Monte protagonista su L’isola dei famosi e i pericoli per il pubblico di minori che segue il Gf Vip.

Si legge nell’esposto del Codacons: “Come noto Francesco Monte negli ultimi mesi è stato al centro di critiche e numerose polemiche dopo essere stato accusato da un’altra concorrente  dell’Isola dei famosi di aver fatto uso di sostanze stupefacenti in Honduras. Lo stesso Monte, sarebbe stato scelto per essere uno dei concorrenti della terza edizione del #GFVIP, uno dei programmi maggiormente seguiti dal pubblico italiano”.

accordo segreto tra Eva Henger e Francesco Monte

Si ritiene opportuno, necessario e doveroso portare all’attenzione della menzionata Autorità una questione assai grave legata alla possibile pubblicizzazione, mediante la partecipazione del Monte al programma #GFVIP, di un messaggio scorretto, diseducativo, fuorviante e pericolosissimo, legato all’utilizzo delle droghe leggere, che potrebbe trasformarsi in una sorta di “istigazione a fumare”, per i tanti giovani e meno giovani che apprezzeranno la partecipazione al reality del tronista.

Il Codacons ha dunque chiesto all’Agcom di aprire una istruttoria sul caso, valutando una sospensione cautelare della messa in onda del programma televisivo in questione atteso il pericolo di grave danno prodotto sui giovani per l’influenza che l’eventuale partecipazione del Sig. Monte possa avere sui medesimi in punto di assunzione di sostanze stupefacenti.

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it