Scuole e pensiero computazionale: l'importanza del digitale

Scuole e pensiero computazionale: l’importanza del digitale

ROMA  – “Nella nostra scuola rispetto al digitale abbiamo realizzato un progetto sulle innovazioni di pensiero computazionale e robotica che ha permesso di non attendere i tempi di formazione dei docenti, perché abbiamo fatto una formazione che era in parte in situazione, quindi in classe”. Questa l’esperienza di formazione dei docenti dell’istituto comprensivo ‘Claudio Abbado’ di Roma descritta dal dirigente scolastico Brunella Maiolini.  “Quello che mi interessava- aggiunge Maiolini- era la possibilità di lavorare con gli strumenti tecnologici per sviluppare le competenze logiche che noi- conclude- dobbiamo far acquisire agli studenti”.