A Vibo Valentia un concorso per i cittadini di domani su memoria e legalità

Vivere la memoria come base del nostro presente e non come un evento passato, per trasmettere i valori di ieri ai ragazzi di oggi. Il concorso ‘Memoria e Legalità’‘, promosso dalla Questura e dalle istituzioni scolastiche della provincia di Vibo Valentia, nasce per conservare e trasmettere il messaggio della memoria alle generazioni future. Un’iniziativa che si unisce al concetto di legalità, perché ricordando gli eventi del passato i ragazzi possono riflettere sul rispetto delle regole fondamentali nella vita di tutti i giorni.

Per partecipare, studentesse e studenti delle scuole secondarie di primo e secondo grado della provincia di Vibo Valentia, dovranno creare, da soli o in gruppo, un prodotto artistico, letterario o multimediale che rappresenti liberamente il tema ‘Memoria e Legalità’. L’opera realizzata, da inviare entro il 24 Novembre alla Questura di Vibo Valentia (via Stanislao Aloe, 89900), verrà esaminata da una commissione composta dal Questore, dalla responsabile del Coordinamento regionale delle Consulte studentesche, Franca Falduto, e dal Presidente provinciale della consulta studentesca.

L’originalità e la capacita’ di trasmettere il messaggio saranno i due parametri su cui si baserà la selezione delle due opere vincitrici, una per ogni grado scolastico, alle quali andrà una targa-premio. La premiazione si terra’ presso la scuola Allievi Agenti della Polizia di Stato ‘Andrea Campagna’, il 30 Novembre 2018, a conclusione di un seminario di formazione sul tema del concorso.

L’iniziativa si inserisce nelle attività didattiche già realizzate dalle scuole della provincia calabrese lo scorso anno sui temi oggetto del concorso. Tra queste, la mostra, tuttora esposta, ‘Angeli custodi: l’esempio del coraggio, il valore della memoria‘, pubblicata nel catalogo dedicato all’anno europeo del patrimonio culturale, fondamentale nella costruzione del futuro dell’Europa soprattutto per i giovani.

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it