Mi metto in gioco con il gioco. Alla LUISS parte il campionato di videogames

Mi metto in gioco con il gioco. Alla LUISS parte il campionato di videogames

Si tratta del Gamerwall University League. In palio due borse di studio, per un intero anno accademico

ROMA – Videogame e studio, i due mondi si incontrano per una sfida al merito tra studenti universitari. Da novembre a giugno, nelle sedi LUISS di Roma e Milano, parte la Gamerwall University League, un campionato per appassionati di videogames, organizzato dalla community di Gamerwall, che, da novembre a giugno, vedrà i partecipanti sfidarsi a colpi di console, per aggiudicarsi due borse di studio, per un intero anno accademico.

L’iniziativa, quest’anno alla seconda edizione, promossa in collaborazione con Nintendo e Microsoft, darà la possibilità agli studenti-gamers, iscritti alla LUISS ma anche ad altri atenei della Capitale e del capoluogo lombardo, di sfidarsi in otto incontri, uno al mese, senza però dimenticare lo studio. Il vincitore sarà, infatti, colui che otterrà un punteggio calcolato per il 60% dalla media universitaria e per il restante 40% dal punteggio delle migliori tre tappe.

A presentare il calendario della Gamerwall University League 2019, al LOFT LUISS: il Direttore Generale, Giovanni Lo Storto,  il CEO di Gamerwall, Gianpiero Miele, il Direttore Sportivo AS LUISS, Paolo Del Bene, il Responsabile Affari Legali di GEC – Giochi Elettronici Competitivi, Jacopo Ierussi e Ivan Grieco, noto Commentatore di competizioni E-sport.

Per l’occasione è stato premiato il vincitore della prima edizione della League, Alessandro Fortunato, studente LUISS, che ha vinto la borsa di studio per il primo anno del corso di Laurea Magistrale in Management, e che, anche quest’anno concorrerà per l’edizione 2019.