Di Maio: "Apriamo le porte del Mise agli studenti"

Di Maio: “Apriamo le porte del Mise agli studenti”

Pomigliano d’Arco – “Aumentiamo le possibilita’ di far trovare un lavoro ai nostri ragazzi dopo il diploma. E, come ministero dello Sviluppo Economico, apriamo le porte ai ragazzi degli istituti tecnici: durante la loro formazione potranno imparare un lavoro nelle nostre sedi territoriali che si occupano di telecomunicazioni”. A spiegarlo e’ il ministro del Lavoro e dello Sviluppo Economico, Luigi Di Maio, che oggi nell’istituto tecnico Eugenio Barsanti di Pomigliano d’Arco (Napoli) ha firmato insieme al sottosegretario all’Istruzione, Salvatore Giuliano, un protocollo d’intesa per rafforzare le competenze dei giovani e favorire la futura occupazione. L’obiettivo e’ quello di coinvolgere le strutture territoriali del Mise per rafforzare il raccordo tra scuola e territorio, fornendo agli studenti opportunita’ formative di alto profilo per l’acquisizione di competenze trasversali e titoli di studio spendibili nel mercato del lavoro.

“E’ un’ulteriore opportunita’ per chi oggi vuole andare a lavorare dopo il diploma e puo’ farlo anche nella Pubblica amministrazione”, ha aggiunto il vicepremier M5S. Come prima attuazione di questo protocollo, il ministero dello Sviluppo Economico e l’istituto tecnico Bersanti di Pomigliano hanno sottoscritto un primo progetto di Alternanza di cui beneficeranno oltre 20 studenti di una terza classe dell’ITS. Di Maio, durante un incontro per illustrare a docenti e studenti i dettagli del protocollo, ha anche annunciato lo stanziamento di “20 milioni di euro per nuove attrezzature destinato a istituti tecnici e laboratori”. Nel 2019 “si libereranno 620mila posti di lavoro grazie alla riforma della Fornero, ovvero a quota 100 – ha sottolineato il vicepremier -, dobbiamo sbrigarci a formare tanti ragazzi perche’ ci saranno tante nuove opportunita’ di lavoro”.

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it