Giornata nazionale sicurezza nelle scuole, Cittadinanzattiva: domani eventi in tutta Italia

Giornata nazionale sicurezza nelle scuole, Cittadinanzattiva: domani eventi in tutta Italia

ROMA – Si muovono con ordine, conoscono le istruzioni in caso di rischio, e si aiutano a vicenda quando sopraggiunge il pericolo. Sono i giovani protagonisti dello spot ‘Prepariamoci’, promosso da Cittadinanzattiva in occasione della XVI Giornata nazionale per la sicurezza nelle scuole. Domani, giovedi’ 22 novembre, negli istituti di tutta Italia si parlera’ dei comportamenti corretti da assumere a scuola e sul territorio in caso di pericolo, per insegnare ai piu’ piccoli l’abc della sicurezza.

Per l’evento, realizzato con la collaborazione del Dipartimento nazionale della Protezione Civile e del Miur, sono stati messi a disposizione dei ragazzi e delle famiglie due manifesti dedicati al rischio sismico e al rischio alluvione, accompagnati dal video-tutorial ‘Prepariamoci’, in cui sono gli stessi bambini a dettare le regole della sicurezza. Protagonisti i ragazzi dell’istituto comprensivo Radice-Ovidio di Sulmona (AQ), che nel tutorial mostrano come comportarsi a scuola in caso di terremoto.

“Siamo convinti che le scuole siano il presidio piu’ avanzato per promuovere la cultura della sicurezza nel nostro Paese- commenta Adriana Bizzarri, coordinatrice nazionale della Scuola di Cittadinanzattiva- non solo perche’ ospitano circa dieci milioni di persone tra studenti e lavoratori, ossia un sesto della popolazione italiana, ma soprattutto perche’ e’ fra le mura scolastiche che si possono far crescere e sperimentare le competenze e la cultura della sicurezza”. Il video, disponibile sul canale youtube di Cittadinanzattiva, sara’ proiettato anche all’interno della mostra ‘Terremoti d’Italia’ allestita dal Dipartimento della Protezione Civile, nell’ambito del Forum europeo per la riduzione del rischio, in corso a Roma presso il Centro Congressi di Confindustria. Per studenti e alunni sara’ disponibile anche un sondaggio online su rischio alluvione, per capire come si sono comportati anche negli ultimi episodi di allerta meteo che hanno coinvolto il nostro Paese.

In Italia tre scuole su quattro non hanno agilita’ statica, e solo una su venti e’ in grado di resistere ad un terremoto. Tuttavia, stanno crescendo gli investimenti per la manutenzione, ma il divario fra le varie realta’ regionali e’ notevole. In generale, emerge un’Italia a tre velocita’: ad investire di piu’ sulla manutenzione ordinaria e’ la Lombardia (in media quasi 119mila euro), meno la Puglia (non si arriva ai 3mila euro). Solo il 2% delle scuole calabresi ha effettuato la verifica della vulnerabilita’ sismica, mentre sale al 59% il numero delle scuole umbre. Secondo i dati del XVI Rapporto sulla sicurezza delle scuole, presentato a settembre da Cittadinanzattiva, il certificato di prevenzione incendi e’ presente nel 69% degli istituti del Trentino Alto Adige e solo nel 6% di quelli laziali. “A dieci anni dal crollo del Liceo Darwin di Rivoli (TO) in cui perse la vita il giovane studente Vito Scafidi- aggiunge Adriana Bizzarri- continua il nostro impegno per avere scuole sicure in tutto il Paese e per far crescere, anche a scuola, la cultura dell’autoprotezione e della prevenzione dai rischi naturali”.

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it