La creatività fa scuola: 600 studenti, docenti e presidi a Roma

La creatività fa scuola: 600 studenti, docenti e presidi a Roma

ROMA – Quasi 6mila articoli prodotti da 500 scuole di tutta Italia. Sono i numeri del progetto ‘La scuola fa notizia’, promosso da diregiovani.it e dall’agenzia di stampa Dire. Nato nel 2016, l’iniziativa da’ ai giovani la possibilita’ di pubblicare articoli, fotografie, video, poesie, racconti e disegni su una piattaforma che diventa cosi’ la vetrina del loro mondo, delle loro idee e dei loro talenti. Giovani che scrivono per i loro coetanei con l’idea di promuovere quell’informazione tra pari utile a diffondere messaggi positivi, per una visione del futuro che appartiene alle nuove generazioni.

Seicento rappresentanti delle scuole coinvolte- studenti, docenti e presidi- si incontreranno il 30 novembre a Roma nell’annuale appuntamento ‘La creativita’ fa scuola’. Durante la mattinata verra’ consegnato il Premio ‘Ultimi educatori’ ai docenti e ai dirigenti scolastici. Il riconoscimento- promosso da Ido, diregiovani.it e agenzia Dire- e’ nato ormai 5 anni fa per valorizzare e riconoscere l’impegno quotidiano a favore degli studenti.

Quest’anno una grande novita’ aprira’ l’evento: la finale del primo hackathon #Lascuolafanotizia. Quaranta studenti di tutta Italia, divisi in 6 team, dal 28 al 29 novembre lavoreranno nella sede romana dell’agenzia Dire, per proporre idee e consigli da realizzare all’interno del sito diregiovani.it. Cosa vorrebbero trovare in questo luogo virtuale? Saranno loro a dircelo. Una giuria di esperti e studenti di altre scuole scegliera’ e premiera’ l’idea migliore. Come negli anni passati verranno premiate le scuole che si sono distinte nell’ambito del concorso ‘Giornalisti in erba’. Con gli studenti che si alterneranno sul palco, si affronteranno le tematiche che loro stessi hanno approfondito nel corso dell’anno: salute, cittadinanza, legalita’, contrasto alle fake news e non violenza.

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it