VIDEO | Ancona, tragedia a Corinaldo: morte 6 persone al concerto di Sfera Ebbasta

Qualcuno ha spruzzato dello spray urticante in una discoteca con migliaia di persone, la maggior parte adolescenti

Sono 5 minorenni di età compresa tra i 14 e 16 anni e una mamma di 39 anni le vittime di una tragedia consumata in una discoteca di Corinaldo, in provincia di Ancona.  E’ accaduto nel locale “Lanterna Azzurra”, dove migliaia di persone, la maggior parte adolescenti, si erano riunite per il concerto di Sfera Ebbasta.

La ricostruzione

Dalle prime ricostruzioni, il panico si è scatenato intorno all’1 di notte, quando qualcuno ancora non identificato ha spruzzato dello spray al peperoncino. La folla si è riversata verso le uscite di sicurezza. Proprio in una di queste si è verificata la tragedia. Una balaustra di un ponticello che portava verso l’esterno ha ceduto e le persone sono cadute una sull’altra nel fossato. Il bilancio è di 6 morti e decine di feriti.

Le vittime

I nomi dei morti sono diffusi su Facebook dal vicepremier Luigi Di Maio. “Asia Nasoni, 14 anni, di Senigallia; Daniele Pongetti, 16 anni, di Senigallia; Benedetta Vitali, 15 anni, di Fano; Mattia Orlandi, 15 anni, di Frontone; Emma Fabini, 14 anni, di Senigallia; e mamma Eleonora Girolimini, 39 anni, di Senigallia. Sono le giovani vittime della tragedia di questa notte”.

Non è la prima volta che durante un concerto di un trapper venga usato dello spray urticante. Lo scorso settembre durante un concerto di Sfera Ebbasta a Mondovì, nel Cuneese.
Episodio simile era già capitato nel 2017 durante un concerto di Ghali.
L’ultimo episodio risale al 7 novembre scorso, all’Alcatraz di Milano poco prima il concerto di Achille Lauro.

Sfera Ebbasta ha postato un commento su Instagram per esprimere cordoglio su quanto accaduto.

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da $€ (@sferaebbasta) in data:

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it