Savona, in classe la legalità diventa fiction

Savona, in classe la legalità diventa fiction

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – La legalità entra in classe attraverso la docufiction. All’istituto ‘Federico Patetta’ di Cairo Montenotte, in provincia di Savona, il tema della giustizia minorile si affronta con il cinema, per sensibilizzare i ragazzi sulla prevenzione e sul reinserimento sociale. Il progetto ‘Re. Lig.’, finanziato dalle fondazioni Compagnia di San Paolo di Torino, ‘De Mari’ di Savona e Carige di Genova, è stato realizzato dal Consorzio Sociale ‘Il Sestante’. Due gli appuntamenti per le classi prime e quinte del corso “Amministrazione finanza e marketing” e tre le pellicole inserite nel progetto.

In ‘Margaret & Queen’ e in ‘MAP – Messa Alla Prova’, realizzati con il contributo della Polizia di Stato di Savona, della Polizia Postale di Genova e degli Uffici di Servizio Sociale del Tribunale per i minorenni, i ragazzi si sono confrontati con il mondo dei reati minorili (dallo spaccio di sostanze stupefacenti ai reati on-line) e con il percorso educativo e di legalità in cui viene inserito il ragazzo ‘messo alla prova’.

‘Udienze’, invece, è stato realizzato con la collaborazione del Tribunale di Savona, per spiegare agli studenti i vari momenti dell’udienza, rappresentata in quattro fiction. Alla pellicola hanno partecipato figure istituzionali quali il Giudice del Tribunale per i minorenni di Genova, il Procuratore della Repubblica del Tribunale per i Minorenni di Genova, avvocati, assistenti sociali, referenti del Tribunale di Savona, del Centro giustizia minorile di Genova e degli Uffici di servizio sociale del Tribunale per i minorenni di Genova.

La sceneggiatura ha voluto mettere in risalto le differenze di gravità dei reati e, insieme, il differente atteggiamento nell’assunzione di responsabilità che il giovane mette in gioco: diversità che portano ad esiti delle udienze decisamente divergenti. Al termine delle proiezioni, sono state utilizzate alcune interviste anonime a minori in carico alla Giustizia minorile, che hanno sviluppato aspetti e tematiche poi nuovamente emersi nei dialoghi con i giovani. Un’occasione di riflessione e dialogo per gli studenti del ‘Patetta’, che hanno affrontato il tema con interesse e curiosità.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it