Chiara Ferragni, le prime news sul suo chiacchierato film-documentario

A 10 anni dalla fondazione di The Blonde Salad, il nuovo progetto della famosa influencer arriverà nei cinema nell'autunno 2019
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
Roma – Sono tante le indiscrezioni che  popolano il web sul film-documentario che Chiara Ferragni sta girando. Poche invece sono le notizie certe confermate dalla biondissima influencer. Al momento però sembrano davvero ufficiali le news che vedono lo stop delle riprese in primavera e l’arrivo del film nelle sale in autunno. Alla regia, ma questo già si sapeva, è al lavoro Elisa Amoruso, la produzione invece è a cura di Francesco Melzi della Memo Films, personalità autorevole più volte intervenuta per placare il gossip feroce che si accanisce sulla Ferragni e il mondo che la circonda.
Il focus del film-documentario tratterebbe la rivoluzione digitale e la sua potenza dirompente, mettendo in evidenza come ad ogni età e in qualsiasi ambiente si sia rivoluzionato il modo di approcciare alla vita privata di ognuno. Il film svelerà il ruolo che Chiara Ferragni ha avuto all’interno di questo cambiamento nella società, oltre a raccontare molti degli aspetti professionali di un lavoro sconosciuti ai più.
Nata come blogger 10 anni fa, tutto ha avuto inizio con la nascita di The Blonde Salad, di cui oggi la Ferragni è CEO.
Vita da influencer a parte, il suo lavoro la porta a viaggiare tra l’Italia e l’America e la vede protagonista indiscussa nel mondo della moda. Non è un caso che in questo docufilm indipendente, di cui ancora non si conosce il distributore, ci sia il contributo di importantissime personalità del fashion.
La curiosità è tanta, siamo in attesa di nuove e importanti comunicazioni ufficiali.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it