La Zero, il dopo Sanremo Giovani tra musica e recitazione

L'intervista alla cantautrice
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Una voce delicata ma forte allo stesso tempo. È quella di La Zero, al secolo Manuela Zero. Cantautrice, attrice e in passato anche ballerina. Un’artista a tutto tondo, che sul palco di Sanremo Giovani – per la sua prima volta in gara – ha presentato Nina è brava.

Manuela, ai nostri microfoni, ha raccontato com’è nata la canzone, che racconta di un tema ancora troppo poco noto: la condizione minorile nelle carceri. Sono, infatti, tanti i bambini che sono costretti a stare con le loro mamme nei penitenziari di tutta Italia. Nina è brava nasce dallo sguardo di un bambino che, ogni giorno, vive questa condizione: Pasquale. Poi, nel testo, diventato Nina.

Nina è brava non nasce per Sanremo – ci ha spiegato -. Volevo raccontare di questa realtà e metterla in luce. Poi, con la mia squadra, abbiamo pensato di portarla a Sanremo per riuscire a dare maggior risalto a questo argomento e anche alla mia musica”.

La Zero, l’amore e il prossimo disco

La Zero, nella sua musica, fonde il suo essere artista a 360 gradi e parla ai suoi coetanei con leggerezza, veicolando messaggi che vanno oltre le semplici canzoni d’amore. “Non parlo mai d’amore, faccio una fatica incredibile”, ha confessato. Il romanticismo, però, non è escluso dall’album di La Zero che uscirà presto. Un disco è quasi pronto e tante novità arriveranno a breve.

Sanremo, La Zero spettatrice: “Tifo Ultimo”

Nel frattempo, La Zero – mentre prepara il nuovo singolo, “molto diverso da Nina è brava” – seguirà il Festival di Sanremo, tifando Ultimo (“Credo abbia una penna meravigliosa. Scrive benissimo. Ti amo follemente ma scrivi meno d’amore. Puoi parlare di qualsiasi cosa”, ha detto nell’intervista rivolgendosi direttamente al cantautore), Mahmood (che ha conosciuto a Sanremo Giovani), Nino D’Angelo e Livio Cori (“Livio ti tengo d’occhio”), Loredana Bertè e Achille Lauro (“Sono una sua fan”). Per il resto non resta che seguire Manuela sui suoi canali social!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it