A Bologna ‘Generazione Teatro’, largo ai ragazzi in scena

Si tratta di una proposta sperimentale unica nel suo genere, coinvolti 4 istituti

17 Gennaio 2019

BOLOGNA –  A Bologna, o più precisamente a Casalecchio di Reno, è nato il progetto ‘Generazione Teatro’. Una proposta sperimentale unica nel suo genere in cui sono coinvolte quattro scuole dell’area metropolitana di Casalecchio: il Salvemini, il Belluzzi-Fioravanti, il Bartolomeo Scappi e il liceo Da Vinci. Una vera e propria rete creativa promossa dal ministero dell’Istruzione e dalla Fondazione Del Monte e coordinata dall’istituto Salvemini con la collaborazione del teatro comunale Laura Betti di Casalecchio di Reno.

Funzionerà così: a fine maggio andrà in scena uno spettacolo realizzato con il contributo di ogni scuola, che avrà attivato un laboratorio aperto a tutti gli studenti della rete. C’è quello di teatro e danza, quello di scrittura, regia e video mailing, quello musicale e quello di canto corale. Il teatro comunale di Casalecchio metterà a disposizione i propri spazi per la realizzazione dei laboratori, le prove e la messa in scena dello spettacolo, gli incontri e i seminari con attori e registi. Ma non solo: il progetto prevede anche la proposta da parte del teatro Laura Betti di un cartellone pensato appositamente per gli adolescenti dai 13 ai 19 anni.

“Un’età per la quale l’offerta teatrale è davvero scarsa- spiega Massimiliano Briarava, coordinatore del progetto per l’istituto Salvemini insieme a Maria Ghiddi, vicepreside dello stesso istituto- soprattutto se confrontata con quella per bambini e adulti”. Dal balletto all’opera al musical, passando attraverso tutte le tipologie di teatro che possono appagare i giovani e le giovani bolognesi. Quindi non solo studenti protagonisti, ma anche studenti spettatori.

Briarava, regista teatrale e docente dell’istituto Salvemini, da quattro anni propone attività teatrali che hanno portato la scuola a vincere, lo scorso anno, il Festival internazionale del teatro scolastico, e assieme ai ragazzi ha attivato anche i laboratori di recitazione, scrittura e regia. Il laboratorio di musica e composizione è curato da Davide Fasulo, musicista e consulente presso il Liceo Da Vinci, mentre il laboratorio di video e documentazione è curato dal professor Marco Bignardi dell’istituto Belluzzi. L’esperta di pedagogia del canto corale, Arianna Rinaldi, si occupa invece del laboratorio di canto. La compagnia ad oggi ha superato i 60 elementi, che per i prossimi mesi si dedicheranno a recitazione, videomaking, canto, regia, danza e musica.

L’appuntamento è quindi ai prossimi mesi, a Casalecchio, per scoprire i risultati di questo progetto che oltrepassa numerose barriere. Da quelle istituzionali, che vogliono scuole che lavorino separatamente, a quelle culturali, che tendono a considerare l’attività creativa come appannaggio dei soli studenti liceali.

2019-01-17T14:54:22+01:00