I Måneskin senza paura nel video di Fear for nobody

I Måneskin senza paura nel video di Fear for nobody

Damiano, Victoria, Ethan e Thomas protagonisti di una scena che si svolge a ritroso
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Da oggi, 18 gennaio 2019, è in rotazione radiofonica Fear for nobody, il nuovo singolo in inglese dei Måneskin, estratto da Il ballo della vita (uscito lo scorso 26 ottobre per Sony Music), progetto discografico da record con oltre 102 milioni di stream e già certificato doppio disco di platino. Il disco ha debuttato al numero 1 della classifica Fimi/Gfk con 4 singoli in top ten. Su Vevo/YouTube è disponibile anche il video ideato dalla band con la regia di Qwerty (Riccardo Paoletti e Corrado Serri).

Il video vede Damiano, Victoria, Ethan e Thomas protagonisti di una scena che si svolge a ritroso. I quattro ragazzi si trovano in una sala prove distrutta e lo spettatore ne potrà seguire la ricostruzione, intervallata da frame di live, attraverso un montaggio in reverse motion.

Un effetto rewind dove il nastro che si riavvolge è anche un movimento metaforico per esprimere il messaggio della band: Fear for nobody.

Fear for nobody nasce da un riff di basso accattivante, arricchito dai fiati che rimandano al filone della dance. Ispirato dagli stimoli che la dimensione live ha regalato alla band e dall’urgenza di tradurre queste sensazioni in musica, il brano ha sonorità intense, che riflettono anche la loro attitudine rock.

Con la consueta determinazione che li contraddistingue e una giusta dose di sfrontatezza, i ragazzi, a partire dal titolo del brano, invitano a lottare per perseguire i propri obiettivi, senza avere paura degli ostacoli, senza farsi intralciare nella realizzazione dei propri sogni.

 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it