Memoria. Venerdì al Maxxi Sami Modiano incontrerà studenti romani

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Appuntamento al Maxxi in occasione del Giorno della Memoria, per non dimenticare e promuovere la riflessione sul tema doloroso della Shoah, in particolare tra i giovani.

Venerdì, alle 10, Sami Modiano, deportato in giovanissima età a Birkenau e Auschwitz, tra i pochi bambini ebrei italiani sopravvissuti ai campi di sterminio, che fa della testimonianza tra i giovani una ragione di vita, incontrerà gli studenti delle scuole romane all’Auditorium del Maxxi, in dialogo con Riccardo Pacifici, Collegio dei Soci Fondatori della Fondazione Museo della Shoah (ingresso gratuito fino a esaurimento posti).

Saranno presenti Pietro Barrera, Segretario Generale Fondazione Maxxi, Francesca Del Bello, presidente del Municipio II, Lucrezia Colmayer, Assessora alla Memoria del Municipio II, Valentina Grippo, consigliera della Regione Lazio, Anna Grazia Concilio, Associazione 21 Luglio, Gianni Focacci Consigliere Aned- Sezione di Roma.

A seguire, i giovani allievi della scuola Vittorio Alfieri di Roma saranno protagonisti della lettura spettacolo ‘Racconta’, con replica domenica alle 11.00. Diretto da Simonetta De Nichilo e a cura dell’Associazione Culturale Crea, ‘Racconta’ è un viaggio poetico, in cui i ragazzi “donano la propria voce” a coloro che hanno subito le persecuzioni naziste.

Partendo dai luoghi della memoria di Roma: il Portico d’Ottavia, la Sinagoga, il Collegio Militare, la Stazione Tiburtina, gli studenti hanno raccolto materiali, testimonianze, documenti storici, personali riflessioni e racconti dei loro nonni e/o conoscenti che sono stati testimoni di quegli anni, per raccontare uno dei capitoli più bui della storia recente.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

Autore: Redazione Diregiovani
Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it