Altaroma. Il primo giorno in passerella

Altaroma. Il primo giorno in passerella

Maison di couture, neo-couture, sartoria e artigianalità con EDITHMARCEL, Martina Cella e MALO. La galleria fotografica delle sfilate
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Roma – EDITHMARCEL, Martina Cella e MALO hanno presentato le loro collezioni FW19/20, inaugurando il primo giorno di sfilate della settimana della moda romana organizzata da Altaroma al Prati Bus District. 

Primo in passerella EDITHMARCEL.
Il brand nasce nel 2015 dalla collaborazione tra Gianluca Ferracin e Andrea Masato, provenienti rispettivamente dalla facoltà di Fashion Design e Architettura dell’Università IUAV di Venezia. Il marchio riflette sulla tematica del genere e si propone di indagare su forme, volumi e lunghezze che possano vestire indistintamente il corpo maschile e femminile. Nella nuova collezione: design, materiali e dettagli in contrasto, linee genderless e allure ricercata.

A Martina Cella spetta la seconda passerella della giornata. Classe 1992, la stilista nel 2015 lancia l’omonimo brand di abbigliamento Martinacella.
Una collezione la sua in cui la tradizione della campagna incontra il rigore della città. Il folk si fa sentire, tra frange, patchwork di fantasie e ricami geometrici. Abiti tradizionali rivisitati e messi a nuovo. I popoli dell’est Europa regalano ispirazione. Foulard sfrangiati e decorati a festa incorniciano i volti. Stampe animalier si accostano a stampe floreali creando contrasti netti e geometrici che spaccano in due la silhouette. I punti vita sono fasciati, le maniche arricciate, le gonne midi. Gli abiti drappeggiati ed incrociati. La dinamicità dei colori ricorda il mondo dello sport anni 90.

Ha scelto Roma come vetrina per presentare le sue nuove collezioni uomo e donna: MALO. Brand internazionale, azienda leader del cachemire, Malo punta alla promozione del “saper fare” inteso come valorizzazione della sapienza artigianale e delle eccellenze del Made in Italy.
Filati che si intrecciano in capi di maglia dai punti tridimensionali, intarsi, morbidi rilievi e jacquard ricamati, danno vita a un’eleganza raffinata, senza tempo, unica e ricercata. Cappotti avvolgenti dai tagli sartoriali, double face. Una collezione declinata in una palette di tanto bianco, colori naturali accostati a tonalità di grigio, sfumature di cammello accompagnate a colori materici, intensi e speziati.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it