La dolcezza di Mugsy, il cane brutto come un Gremlins ma dal cuore d'oro

La dolcezza di Mugsy, il cane brutto come un “Gremlins” ma dal cuore d’oro

Nonostante la vita le abbia riservato un inizio tortuoso, la cucciola oggi può sorridere grazie all'amore della sua padrona adottiva
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Il suo aspetto non aiuta sicuramente a far scattare la scintilla dell’amore a prima vista, ma basta davvero poco per lasciarsi conquistare dalla dolcezza di Mugsy.

La cagnolina aveva appena 40 giorni quando, per le strade di Teheran, è stata vittima della mano di un mostro che le ha gettato dell’acido sul muso, bruciandogli l’occhio e il naso.

Nonostante fosse amata dalla sua famiglia iraniana, i suoi padroni non potevano sostenere le spese necessarie per gli interventi chirurgici ai quali sarebbe dovuta essere sottoposta.
Fu portata da un veterinario per essere soppressa, ma un volontario del Persian Paws Rescue e Loved At Last Dog Rescue intervenne e si offrì di pagare la rimozione dell’occhio danneggiato.

Quattro mesi dopo, Mugsy è stato adottato in Canada da Sam Taylor.
“Ho letto la sua storia e ho pensato:’devo assolutamente fare qualcosa per aiutarla'”.

Così la cagnolina, un incrocio tra uno Spitz giapponese e un Maltese, è volata in Canada e oggi attende la sua terza operazione.

Mugsy era molto piccola quando è stata ferita. La sua mascella ha continuato a crescere, mentre parte del suo cranio si sta ancora espandendo.
La sua cavità nasale è completamente esposta e vulnerabile alle infezioni e ad ulteriori danni ai tessuti: ha un disperato bisogno di un intervento chirurgico.

Per racimolare i soldi necessari, la padroncina Sam ha chiesto aiuto sulla piattaforma GoFundMe. In meno di un mese sono stati donati 10mila dollari.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it