La morte è solo l'inizio nell'horror "L'Esorcismo di Hannah Grace"

La morte è solo l’inizio nell’horror “L’Esorcismo di Hannah Grace”. La recensione

Il film di Diederik Van Rooijen al cinema dal 31 gennaio
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Quando sei morto, sei morto. O forse no?
Non è il solito film sulle possessioni demoniache “L’esorcismo di Hannah Grace”, il nuovo horror di Diederik Van Rooijen, al cinema dal 31 gennaio distribuito da Warner Bros. Entertainment Italia.

L’esorcismo di Hannah Grace

Dopo un incipit pieno di cliché (quasi un omaggio all’Esorcista), il film prende subito una direzione inaspettata.
Punto di forza di “L’esorcismo di Hanna Grace”, infatti, non è l’esorcismo citato nel titolo, ma quello che accade dopo.
La pellicola si sviluppa per quasi tutta la sua durata in un obitorio. Sicuramente un luogo che “vince facile” per un horror, ampiamente sfruttato in passato.
Tuttavia, nel film prende vita, diventa un personaggio a sé stante, che interagisce a modo suo con esseri umani e non.

l'esorcismo di hannah grace

The Possession of Hannah Grace

Un buon film, dunque, questo Esorcismo di Hannah Grace. Una bella sorpresa che sa il fatto suo, intrattiene bene e sa far trattenere il fiato.

LA TRAMA

The Possession of Hannah Grace

Un esorcismo difficile si conclude con la morte violenta di una giovane donna. Mesi dopo, Megan Reed (Shay Mitchell) sta lavorando al turno di notte in obitorio, quando prende in consegna un cadavere sfigurato. Da sola, nei corridoi del seminterrato, Megan si trova ad affrontare visioni terrificanti e inizia a sospettare che il corpo possa essere posseduto da una spietata forza demoniaca.

The Possession of Hannah Grace

IL CAST

Diretto da Diederik Van Rooijen, nel cast Shay Mitchell (Pretty Little Liars), Grey Damon, Kirby Johnson, Stana Katic.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it