Un meteorite per San Valentino: all’asta il “Cuore dello Spazio”

Il meteorite a forma di cuore sarà battuto dal 6 al 14 febbraio da Christie's

Con un valore stimato tra i 250 e i 400 mila euro, il “Cuore dello Spazio” sarà protagonista, dal 6 al 14 febbraio, di Deep Impact, l’asta di Christie’s dedicata ai meteoriti.
La curiosa roccia spaziale a forma di cuore proviene dalla più grande pioggia di meteore delle ultime migliaia di anni.

Il Cuore dello Spazio

Il meteorite ha 4,5 miliardi di anni e faceva parte di un enorme massa ferrosa che si staccò da un asteroide 320 milioni di anni fa, più di 70 milioni di anni prima che comparissero i dinosauri.

Vagò nello spazio fino a quando non incontrò la Terra il 12 febbraio 1947.
Come spiega Christie’s, entrando in contatto con l’atmosfera ad una velocità di 15 km al secondo, la grande roccia si è frantumata, creando una palla di fuoco più luminosa del Sole.
Quel che ne rimase si schiantò sulle montagne Sikhote-Alin in Siberia.
Le onde d’urto generate dall’esplosione distrussero finestre e camini, sradicando anche gli alberi.

Il boato si udì ad oltre 300 chilometri di distanza e una scia di fumo lunga 33 chilometri rimase nel cielo per diverse ore.
Molti dei meteoriti risultanti produssero crateri di impatto lunghi fino a 26 metri: ne sono stati catalogati almeno 200.
Un famoso dipinto dell’evento dell’artista e testimone oculare P. I. Medvedev è stato riprodotto come francobollo, emesso dal governo sovietico nel 1957.

Esistono due tipi di meteoriti Sikhote-Alin: esemplari a forma di scheggia e frastagliati (il risultato dell’esplosione a bassa altitudine della massa principale) e gli esemplari più levigati e delicatamente smerlati, che si sono liberati in altitudine più alta. Il Cuore dello Spazio è un esempio di quest’ultima varietà.

La casa d’asta Christie’s si è valsa della consulenza del Dr. Alan E. Rubin dell’Istituto di Geofisica e Fisica Planetaria dell’Università della California per la catalogazione del meteorite.

2019-02-04T14:47:49+01:00