Un'Avventura 'stonata' con le canzoni di Mogol e Battisti

Un’Avventura ‘stonata’ con le canzoni di Mogol e Battisti

Diregiovani all'anteprima del film
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA –  Nel giorno degli innamorati, il 14 febbraio, uscirà al cinema Un’avventura, commedia musicale romantica scritta da Isabella Aguilar e diretta da Marco Danieli. Presentato questa mattina al The Space Cinema Moderno di Roma, il film porta sul grande schermo l’amore raccontato nei testi di Mogol e cantato da Lucio Battisti. I protagonisti di questa storia sono Matteo (Michele Riondino) e Francesca (Laura Chiatti): i due, sulle note di Un’avventura e Acqua Azzurra, Acqua Chiara  – riarrangiate da Pivio e Aldo De Scalzi – scoprono l’amore, si perdono, si ritrovano, si rincorrono, ognuno inseguendo il proprio sogno: lei vuole essere una donna libera, lui vuole diventare un musicista. Francesca gira il mondo per cinque anni, mentre Matteo rimane a scrivere canzoni d’amore. Quando Francesca ritorna porta con sé il vento di cambiamento degli Anni 70, fatto di emancipazione, progresso ed evasione. I due si ritrovano e il loro amore rinasce più forte di prima, ma con un risvolto inaspettato.

Un'Avventura - Trailer Ufficiale

Io ho visto il film e sono rimasto piacevolmente sorpreso. – ha dichiarato in conferenza Mogol- E’ una pellicola viva. Tra la pasta asciutta scotta e quella al dente la prima è immangiabile la seconda e’ una cosa fantastica. Stessa differenza tra marketing e vita. Qui non c’è marketing. Tutti i testi che ho scritto sono ispirati alla vita e ho visto questa identità tra il film e la vita. E’ un lavoro di impatto e chi si immedesima prende le botte come nella quotidianità. È una pellicola magica, mi hanno colpito regia e recitazione. Questo è il più bel regalo che abbiamo ricevuto“-. E conclude:A Battisti gli sarebbe piaciuto perché quella raccontata nel film e’ una storia attuale e moderna“.

La pellicola è un’avventura ‘stonata’. Nonostante gli sforzi del cast tecnico e artistico, la sceneggiatura risulta debole poco accattivante fatta di dialoghi spesso banali e i due protagonisti – forse poco adatti per questo genere di film – non sono riusciti a creare sintonia e appeal tra di loro. Non è un progetto riuscito ma qualcosa di buono ce l’ha regalato. La scena in cui Riondino si scatena sulla dancefloor ballando una coreografia di Luca Tommassini sulle note Dieci ragazze vale tutto il film.

“E’ stato emozionante. Il musical non è un genere che prediligo pero’ mi sono divertito molto. – ha raccontato Riondino in conferenza- Cantare ‘Un’avventura’ a Sanremo è stato come buttarsi da un grattacielo di duecento piani, ma farlo a casa di Aldo e Pivio De Scalzi è stato molto meglio perché le abbiamo cantate a casa loro in un ambiente più rilassato“.

Nel cast, oltre alla Chiatti e a Riondino, Valeria Bilello, Thomas Trabacchi, Giulio Beranek, Alex Sparrow, Gabriele Granito, Simone Corbisiero, Roberto Negri, Dora Romano, Barbara Chichiarelli e con la partecipazione straordinaria di Diodato.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it