TEDxYouth, nella Capitale sbarca la terza edizione

TEDxYouth, nella Capitale sbarca la terza edizione

Saranno 12 i ragazzi e le ragazze, tutti under 18, che saliranno sul palco dell’Auditorium
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA –  Sono dodici i finalisti under 18 del TEDxYouth nazionale che, il prossimo 23 febbraio, saliranno sul palco dell’Auditorium della Conciliazione di Roma per raccontare il meglio delle “idee che meritano di essere diffuse” degli studenti delle scuole secondarie italiane. Dopo le due edizioni di Bologna, sbarca così nella Capitale il terzo appuntamento del TEDxYouth previsto dall’accordo triennale tra TEDx e MIUR e realizzato da un team di Organizer TEDx italiani provenienti da diverse città che insieme e dopo mesi di lavoro hanno selezionato, tra centinaia di candidature provenienti dagli istituti scolastici di II grado, statali e paritari di tutta Italia, i dodici giovani più talentuosi nel raccontare l’Alfabeto del Futuro, ovvero la loro visione del cambiamento di codici e linguaggi in atto in ambito tecnologico, sociale ed economico.

In questi ultimi anni, il progresso scientifico ha determinato trasformazioni così radicali e a ritmi così accelerati da rendere il presente quasi inafferrabile. Un mondo veloce, fatto di nuovi paradigmi, nuovi lavori con cui i giovani sono chiamati a interagire. Quali sono le loro idee, percezioni e visioni? Quali saranno i pilastri della nuova società, i linguaggi con cui creare nuove relazioni, e che struttura avranno queste relazioni? Di questo nuovo “alfabeto” i ragazzi hanno scritto nelle lettere inviate per candidarsi al TEDxYouth@Roma 2019, tra cui sono stati selezionati i dodici giovani oratori che saliranno sul palco dell’Auditorium di Roma. Ecco chi sono:

Alessandro Andreucci (Istituto Maria Ausiliatrice – Roma)
Studio e sport: questa l’accoppiata vincente per Antonio su cui fondare il proprio diventare adulto. Lo studio come finestra sul mondo e lo sport per allenarsi ad affrontare le difficoltà. Alessandro ha voglia di crescere e di confrontarsi con gli altri su come farlo.
Topic: L’alfabeto della semplicità

Vittoria Batavia (Liceo classico Vittorio Alfieri – Torino)
All’ultimo anno di liceo classico, Vittoria ha voglia di condividere la sua esperienza e “fare la differenza” per scardinare il pregiudizio sulle malattie mentali.
Topic: Writing my own ending

Riccardo Camarda (Liceo scientifico “G.B. Quadri” – Bolzano Vicentino – VI)
Figlio di musicisti, Riccardo è cresciuto circondato dall’arte nelle sue diverse forme, anche quella della retorica, con quale prova a comunicare la visione del futuro da parte di un adolescente.
Topic: La Profezia dell’adolescenza

Benedetta Carotti (Liceo statale “Vittorio Emanuele II” – Jesi – AN)
Studentessa al liceo classico, Benedetta è un’appassionata anche di altre forme di linguaggio, come la fotografia e la grafica.
Topic: Percezione e marketing – come il colore influenza l’economia

Mara Castiglioni (ITE “E. Tosi” – Busto Arsizio – VA)
Mara ama viaggiare per conoscere persone nuove, ma è una ragazza piena di passioni: dallo sport, all’arte, alla musica e alla scienza, dovunque ci sia qualcosa da imparare, lei ci mette il naso!
Topic: The lack of empathy is destroying our society

Antonio Di Pietro (Liceo scientifico “Enrico Fermi” – Bari)
Antonio scrive poesie in rima perché danno ritmo alla vita e pratica clownterapia perché gli dà emozioni fortissime tutte insieme. Un concentrato di entusiasmo e di gioia di vivere che vuole trasmettere agli altri.
Topic: Il linguaggio emozionale

Giulia Leo (Liceo classico statale Socrate – Bari)
Nonostante la timidezza e le figuracce sempre in agguato, Giulia ama viaggiare zaino in spalla in esplorazione del mondo, senza dimenticare un libro in inglese a farle compagnia.
Topic: Why Women Are The ABC Of The Future

Rachele Matteucci (Liceo classico statale “Vittorio Emanuele II” – Jesi – AN)
Rachele studia al liceo classico, ama la poesia e l’italiano ed è preoccupata di come l’era della comunicazione digitale possa impoverire l’uso della lingua.
Topic: L’andamento travolgente delle emoji

Jerald Andrè Moscoso Carreno (ITTS “A. Volta” – Perugia)
Jerald è al quinto del corso di Meccanica dell’ITTS di Perugia dove studia. La musica è la colonna sonora della sua vita, sia perché la suona che perché non smette mai di ascoltarla.
Topic: No al pregiudizio musicale

Maria Gabriella Nanna (Liceo Classico Statale “Socrate” – Casamassima – BA)
Maria Gabriella ha lo sguardo sempre all’insù: la sua passione è l’astronomia e il suo sogno è diventare astronauta, perché crede che il futuro dell’uomo sia tra le stelle.
Topic: Gravity as a way to communicate

Morr Ndiaye (Istituto Istr. Sec. Sup. “F. Re Capriata” – Licata – AG)
Morr viene da lontano, dal Gambia. Arriva in Italia nel 2017, dopo aver attraversato l’Africa. Ora vive in Sicilia in un centro di seconda accoglienza e studia alla scuola alberghiera. Della sua esperienza dice. “Ho capito che il passato non si può cancellare e che il futuro non si può né cancellare né prevedere. L’unica nostra possibilità per renderlo migliore è quella di aiutarci nel presente”.
Topic: Una spinta al futuro

Sara Tomasi (Istituto Pavoniano Artigianelli – Trento)
Sara ha tre desideri: che ogni giorno durasse 48 ore, che la dislessia non esistesse e che le lezioni a scuola durassero solo sei ore! Ma Sara sa anche che i suoi sono desideri irrealizzabili e quindi sta trovando un modo per farsi bastare le 24 ore e raggiungere i suoi obiettivi.
Topic: il tempo e la sua assenza

Tra loro c’è chi vuole “fare la differenza” per rompere il silenzio opprimente intorno alla malattia mentale, chi non vede l’ora di esplorare le nuove frontiere dello spazio, chi arriva da molto lontano con un passato difficile, ma vuole lavorare nel presente per un futuro che integri tutti. Tanti i sogni e le visioni di quello che sarà e di quello che vorrebbero i nostri giovani talenti da non perdere il 23 febbraio al TEDxYouth@Roma.


TEDxYouth

TEDxYouth è la formula dedicata ai giovani che rientra nel novero della TED Conference, conferenza dedicata alla «condivisione di idee che meritano di essere diffuse» che avviene con appuntamento annuale in cui «thinkers» famosi in tutto il mondo sono invitati a condividere le loro conoscenze e passioni. I TEDx sono eventi non profit, organizzati da volontari animati dall’amore per la loro «Comunità» e per le «Idee che meritano di essere condivise».
Il TEDxYouth@Roma, quest’anno per la prima volta vede il supporto di tutti i TEDx Italiani, ma nello specifico si è dotato di un team, costituito dai curators di eventi TEDx provenienti da tutta Italia, che forniscono il loro supporto per la diffusione capillare dell’iniziativa sull’intero territorio nazionale e sono parte dell’organizzazione dell’intera manifestazione del prossimo 23 Febbraio.

TEDxYouth, le edizioni precedenti

L’evento è stato già accolto con grande entusiasmo, nelle precedenti due edizioni a Bologna, registrando nei due anni più di 900 video candidature di studenti provenienti da tutta Italia. Per i ragazzi selezionati ad essere speakers, l’evento è stata un’esperienza unica che “cambia la vita”, come ha raccontato Cesare de Cal, uno dei giovani speaker che ad oggi ha già preso parte a diverse competizioni internazionali di programmazione e il cui TEDx-Talk è stato visualizzato circa 73.000 volte con view da tutto il mondo.

Per info e iscrizioni al TEDxYouth@Roma: www.tedxyouthroma.org

 

 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it