Elisa Costanzo. Il nuovo videoclip di "Onda dopo onda"

Elisa Costanzo. Il nuovo videoclip di “Onda dopo onda”

Il nuovo singolo della cantautrice prodotto da Francesco Tosoni per Noise Symphony Music è disponibile in radio e su tutte le piattaforme digitali
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Roma – “Onda dopo onda” è il viaggio della vita. Quello che si affronta portando in spalla solo il proprio bagaglio personale, perché per imbarcare altro, su quella che non si può nemmeno chiamare “barca”, non c’è lo spazio materiale. Parla di questo il singolo di Elisa Costanzo, branouscito il 15 febbraio e online su YouTube con un videoclip diretto da Egidio Amendola che vede protagonista la cantante, insieme al ballerino Valerio Angeli.

Elisa Costanzo parla così del brano: «Ho provato a descrivere il viaggio di chi lotta a pugni stretti per rimanere ancorato alla vita, di chi non ha paura di perdere nulla, perché la sola cosa che ha da perdere è la felicità che gli spetta. Quando la libertà si paga a caro prezzo, la ricompensa non può essere che quella di una medaglia al valore. Con Onda dopo onda ho voluto dare risalto a chi ce l’ha fatta, celebrando così uno dei tanti eroi dei nostri giorni.»

Si parla molto di immigrazione nel nostro Paese ultimamente, focalizzando però la discussione sul problema finale: l’arrivo dopo la traversata e la complicazione che questo può generare per il Paese accogliente. Ma in quel tratto di mare più o meno lungo, nel passaggio dalla terra ferma all’altra riva, al di là della politica e del braccio di ferro tra Paesi, c’è un’altra storia da raccontare. È la storia della vita di qualcuno, una storia che non può lasciare spazio all’esitazione. In questo viaggio non ci si può permettere di cedere alla corrente e lasciarsi affondare, ma è necessario procedere con forza e decisione. C’è solo un’unica occasione per continuare a vivere, un’occasione per sperare di portare con sé i segni del tempo, anche quelli che hanno causato delle ferite profonde, ma che serviranno per tornare a vivere ricordando da dove si è venuti.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it