Milano, liceo Primo Levi vincitore del Thumbs Up Youth Award

Milano, liceo Primo Levi vincitore del Thumbs Up Youth Award

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Care for us: un nuovo packaging per la carne completamente compostabile formato da polistirolo compostabile e pellicola di Bioplastica. È con questo progetto che gli studenti del liceo Primo Levi di San Donato Milanese si sono aggiudicati il Thumbs Up Youth Award, il premio che ha coinvolto sei aziende e 400 studenti per elaborare un progetto innovativo e all’avanguardia.

Realizzata dall’associazione Thumbs Up grazie al sostegno di Fondazione Cariplo e alla partnership con l’Università Cattolica del Sacro Cuore, l’iniziativa ha formato i ragazzi in modo dinamico e innovativo sulle competenze trasversali, come le capacita’ di lavorare in gruppo, sviluppare idee, elaborare una presentazione scritta, e ideare un video e di parlare in pubblico.

Ogni azienda ha ‘adottato’ una scuola affidandole un progetto, e i 12 finalisti si sono confrontati davanti a una giuria che ieri ha decretato come vincitore il progetto che ha risposto alla sfida di Carrefour Italia ‘Il cibo del futuro, sarà il nuovo ambasciatore della sostenibilità sociale e ambientale?’.

La squadra, composta da Aldo Pinelli, Marta Canestraci, Lorenzo Ratto, Luca Padula e Stefano Mango, ha vinto un corso di public speaking presso il Centro Teatro Attivo di Milano, la possibilità di svolgere il test di orientamento Thumbs Up Map e una sessione di coaching con professionisti.

Secondo classificato, ‘Against Waste’ del Liceo Bottoni di Milano, che ha risposto alla sfida di Banco Alimentare ‘Creare un piano di comunicazione per raggiungere e mantenere ingaggiati i giovani per attività di volontariato e sostegno a Banco Alimentare Lombardia’, con la piattaforma ‘Smart Renovation’ per giovani collegata al sito dell’azienda che permette l’incontro tra domanda e offerta di volontari e la creazione di rete di storytelling ed eventi.

I 70 progetti sono stati valutati dalle rispettive aziende secondo i criteri di professionalità, creatività ed efficacia, e i 12 finalisti hanno avuto poi la possibilità di fare la loro presentazione orale di fronte a tutti gli studenti, le scuole e le aziende e di venire valutati dalla una giuria di esperti.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it