Ultimo, è online il video di Fateme Cantà

Ultimo, è online il video di Fateme Cantà

Nel video, in gran parte in bianco e nero, c’è anche l’incursione di Antonello Venditti
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – È online il video di Fateme Cantà, il nuovo singolo di Ultimo. Il brano, in romanesco, è il secondo estratto da “Colpa delle favole“, in uscita il 5 aprile. 

Voce e piano, Ultimo canta oltre le polemiche che hanno seguito il suo secondo posto al 69esimo Festival di Sanremo. Fateme Cantà diventa, così, quasi una preghiera per riportare l’attenzione sulla musica.

“Fateme Cantà” è una sorta di manifesto, un brano crudo, con cui Ultimo – senza ricorrere a metafore o astrazioni – ci riporta una fotografia sincera e racconta in modo libero e diretto la voglia di fare musica con semplicità.

Il romano mostra, infatti, le radici del cantautore e risveglia le emozioni legate al quotidiano. Il testo mette in luce il forte contrasto tra il successo e la vita di tutti i giorni, quella in cui in molti possono riconoscersi mentre, a testa alta, cercano di affrontare problemi molto lontani dalle luci del palcoscenico.

Nel video, in gran parte in bianco e nero, c’è anche l’incursione di Antonello Venditti, segno del profondo legame tra la storica tradizione musicale romana e la nuova scena cantautorale della città.

Il testo

Che giornata, che giornata eh
son distrutto eh, son distrutto
camerieré portame er vino
Fateme cantà che non c’ho voglia di stà con sta gente
che me parla ma non dice niente, eh
fateme cantà che me sento anche un pò innervosito
da sta gente che me chiede una foto
io vorrei parlarglie de loro, oh
fateme cantà sto a impazzì appresso a troppe esigenze
c’ho bisogno all’appello de dì che so assente, eh
E fateme cantà per l’amici che ho lasciato al parcheggio
io che quasi me ce sento en colpa pe avuto sto sporco successo
che amico sul palco e t’ammazza sul resto
Fateme cantà nun so bono a inventarmi discorsi
sbaglio i modi, i toni e anche i tempi
parlo piano manco me sentiresti
fateme cantà che a ste cene con questi in cravatta
parlo a gesti non so la loro lingua, eh
Fateme cantà per quer tizio che non c’ha più il nome
sta per strada e elemosina un core
per quel padre se strigne gli occhi
davanti a suo figlio per proteggergli i sogni, oh
Fateme cantà per sti gatti che aspettano svegli
un motore per starsene caldi
per i ricordi che me spezzano er sonno
e a letto mi fanno girare come un matto
un matto, un matto’
na na na na na na na na na na na na
na na na na na na na na na na na na
na na na na na na na na na na na na
na na na na na na na na na na na na

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it