Fumetti. "EKHÖ - Il Segreto Dei Preshaun"​ da oggi in libreria​

Fumetti. “EKHÖ – Il Segreto Dei Preshaun”​ da oggi in libreria​

Due nuove avventure tra Roma e gli USA scritte da Christophe Arleston e disegnate con lo stile inconfondibile di Alessandro Barbucci
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Roma – Arriva oggi in tutte le librerie Ekhö – Il Segreto Dei Preshaun, il nuovo volume – edito da BAO Publishing – delle avventure nel mondo-specchio creato da Christophe Arleston e Alessandro Barbucci. 
Dopo “Ekhö New York – Parigi” e “Ekhö Hollywood – Barcellona”, ritorna la serie ambientata su un mondo parallelo al nostro, in cui ci sono le nostre città, i nostri Paesi, ma leggermente diversi. Non c’è elettricità, i draghi sostituiscono gli aerei di linea, i vagoni della metropolitana sono sul dorso di grandi millepiedi. L’impresaria artistica (suo malgrado) Formicola Grattuglia e il povero Yuri Podrov, che la adora in (quasi) silenzio, si misurano a Roma con i segreti dei preshaun, le creature mistiche che popolano questo mondo, e poi con l’oscurantismo del profondo sud degli Stati Uniti, in una storia on the road davvero mozzafiato.
I testi sono del bravissimo Christophe Arleston, i disegni dell’impareggiabile Alessandro Barbucci e i colori della strepitosa Nolwenn Lebreton.

Ekhö è come la Terra, ma un po’ diverso: tutto sembra di un’altra epoca e gli abitanti sono piccoli e buffi animaletti chiamati Preshaun. Nessuno sa esattamente cosa vogliono… Formicola Grattuglia è arrivata nel mondo-specchio con Yuri Podrov dopo un bizzarro incidente aereo, qui ha ereditato un’agenzia di artisti e si è ritrovata in balia di spiriti che si impadroniscono della sua personalità. Per tornare se stessa, dovrà risolvere i problemi dei Preshaun imbattendosi in curiose e frenetiche avventure.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it