Sono Tommaso Paradiso, Calcutta e Jovanotti i The Barboodos

Sono Tommaso Paradiso, Calcutta e Jovanotti i The Barboodos

I tre cantano nel nuovo singolo di Takagi & Ketra
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA –  Sono Tommaso Paradiso, Calcutta e Jovanotti i tre membri misteriosi della band protagonista del singolo di Takagi & Ketra.

La Luna e la Gatta

È online La luna e la gatta, il nuovo brano prodotto dal duo e cantato da i The Barboodos.

Tommaso Paradiso e Calcutta tornano a collaborare con Takagi & Ketra, dopo i successi dei singoli Da sola in the night e Oroscopo. Per Jovanotti, invece, si tratta di un “debutto”. 

“Avere la possibilità di collaborare con artisti che rappresentano il passato, il presente ed il futuro del cantautorato italiano mi riempie il cuore di gioia e orgoglio – ha scritto Ketra su Instagram – e mi fa credere che i sogni si possano davvero realizzare: JOVANOTTI, TOMMASO PARADISO E CALCUTTA, ORA, PER LA PRIMA VOLTA TUTTI INSIEME PER LO STESSO BRANO!!!”. L’artwork della cover di La Luna e la gatta è di Mecna

Il testo

Gli alberi pescano pescano 
l’anima di questo mondo 
immergendo le radici e abbracciando l’equatore 
vorrei tu facessi lo stesso con la mano sul mio cuore 
quanto mi guardi negli occhi vorrei finire nel frullatore 

Ma dimmi come si può stare bene anche quando si è lontani 
e non sento la tua voce ormai da troppe settimane 
dimmi come si può stare vivi 
anche senza respirare

Posso soltanto deglutire 
singhiozzare 
cantare nella testa 
questo motivo che mi fa 
stare come una gatta che guarda dalla finestra 
la luna che cade in un lago dipinto di blu 
e ci caschi anche tu 

Nel cielo la notte è romantica 
Venere bacia Orione 
senza sapere dove 
senza sapere come 
vorrei tu facessi lo stesso 
chiamandomi col mio nome 
l’amore attraversa lo spazio 
i chilometri gli anni luce 

Ma dimmi come si può stare bene anche quando si è lontani 
e non sento la tua voce ormai da troppe settimane
dimmi come si può stare vivi 
anche senza respirare 

Posso soltanto deglutire 
singhiozzare 
cantare nella testa 
questo motivo che mi fa 
stare come una gatta che guarda dalla finestra 
la luna che cade in un lago dipinto di blu 
e ci caschi anche tu 

L’amore non è una scusa 
ma giuro mi sono perso 
non è stata una bella avventura 
però mi è piaciuta lo stesso 
c’era la luna in un lago 
che emanava il suo riflesso 
e una banda suonava lontano una musica blues 
ci saresti cascata anche tu

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it