“Mademoiselle”, Sfera Ebbasta risponde alle critiche nel nuovo singolo

Il trapper mette fine alle polemiche commentando a colpi di rime
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “A mezzanotte parlo io”. Sfera Ebbasta ha scelto di mettere la parola fine alle polemiche che lo hanno visto protagonista dall’indomani della tragedia di Corinaldo. E lo fa con la musica: esce a mezzanotte “Mademoiselle”, il nuovo singolo prodotto da Charlie Charles

 

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

A MEZZANOTTE PARLO IO

Un post condiviso da $€ (@sferaebbasta) in data:

Dalla notte tra il 7 e l’8 dicembre 2018, Sfera Ebbasta è diventato il colpevole per eccellenza. Sua la colpa dell’incidente che ha visto morire 6 persone, 5 delle quali adolescenti, poco prima di un evento che lo vedeva protagonista. Il re della trap è stato, poi, accusato anche di istigare i fan all’uso di droghe. 

Le accuse di istigazione all’uso di stupefacenti

A inizio gennaio, infatti, la procura di Pescara ha aperto un fascicolo sul trapper. A suo carico le accuse di istigazione all’uso di sostanze stupefacenti.

La denuncia è partita con un esposto presentato a diciotto procure della Repubblica dai senatori di Forza Italia Lucio Malan e Massimo Mallegni, nel quale si chiedeva di verificare se nei testi del cantante “si possa ravvisare il reato di istigazione e proselitismo all’uso di sostanze stupefacenti”.

Sfera non ha mai commentato ma ora nega con forza ogni accusa. Nei giorni scorsi, ha pubblicato un video in cui spiega il cambio di rotta, un messaggio che sarà ribadito nella canzone online.

 

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

SE TUO FIGLIO SPACCIA È COLPA DI SFERA EBBASTA? 🤷🏻‍♂️

Un post condiviso da $€ (@sferaebbasta) in data:

“Raga non ho mai detto niente, sono sempre stato zitto, ho sempre cercato di fare il superiore, di farmi scivolare addosso la cosa, però noto che sta diventando veramente ridicola, sta diventando tragica la situazione”, ha detto l’artista in un video.

Poi lo sfogo: “Sono mesi che mi sveglio ogni giorno e trovo il mio nome su qualche giornale, piuttosto che su qualche telegiornale in cui vengo diffamato gratuitamente, gratuitamente raga, in cui vengono presi di mira i miei testi, e io mi chiedo: ‘Ma in un paese come l’Italia, dove ci sono un miliardo di problemi, questi dove trovano il tempo per analizzare i miei testi, cioè non hanno niente da fare?’ Gente pagata da noi, con le nostre tasse, che invece che lavorare sta lì a perdere tempo e ad analizzare i testi di Sfera Ebbasta per capire se incita o meno l’uso di sostanze stupefacenti”.

Nessuna delle accuse è reale per Sfera: “Quando mai ho detto: Oh raga, drogarsi è giusto? Quando mai ho detto: ‘Fate questo piuttosto che quest’altro?’ Mai fatto. Mai fatto. Io ho parlato di me stesso, ho parlato di quello che ho fatto io, di quella che è stata la mia vita e non mi sono mai nascosto dietro un dito, quello che dovevo dire l’ho detto, quello che dovevo fare l’ho fatto”.

L’anteprima di “Mademoiselle”

Su Instagram, Sfera Ebbasta ha, poi, pubblicato un’anteprima di “Mademoiselle”.  Ecco il video.

 

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

SIETE PRONTI? 🤐🇮🇹

Un post condiviso da $€ (@sferaebbasta) in data:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it