Liceo Antonelli di Novara vince sfida 'Sci-Tech Challenge'

Liceo Antonelli di Novara vince sfida ‘Sci-Tech Challenge’

Rappresenterà l'Italia in Europa
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

MILANO – Formare competenze professionali strategiche e contribuire alla soluzione delle imminenti sfide in campo energetico. È l’obiettivo di ‘Sci-Tech Challenge’, una iniziativa didattica ideata da Junior Achievement e dal gruppo ExxonMobil- giunta quest’anno all’ottava edizione in Italia e alla decima in Europa- per sensibilizzare gli studenti delle scuole superiori alle materie scientifiche e alle professioni STEM.

Per farlo, gli ideatori hanno coinvolto 50 studenti, provenienti da 8 licei scientifici delle province di Napoli, Novara, Roma, Savona e Siracusa, in un sfida nazionale che è stata vinta dal liceo scientifico ‘Antonelli’ di Novara, davanti al liceo scientifico ‘Cannizzaro’ di Roma e al liceo scientifico ‘Pascal di Romentino’, in provincia di Novara, che si sono posizionati al secondo e al terzo posto.

Ai gruppi di lavoro era richiesto di cimentarsi nella modernizzazione del sistema di trasporto urbano di una città europea riducendone l’impatto ambientale. Anche in questa fase del programma, così come nei percorsi preparatori in classe “i ragazzi hanno avuto la possibilità di consultarsi con esperti delle società Esso e SARPOM, che li hanno affiancati favorendo il lavoro di gruppo, le attività di analisi e di consolidamento dei progetti”, spiegano gli organizzatori.

Il gruppo vincitore rappresenterà l’Italia il prossimo 15 maggio alla European Sci-Tech Challenge, la finale europea in programma a Bruxelles che coinvolgerà anche i vincitori degli altri Paesi partecipanti quest’anno: Belgio, Paesi Bassi e Romania. “In questa occasione gli studenti avranno l’occasione di presentare la propria idea in lingua inglese a una giuria internazionale e contendersi il titolo di miglior team europeo dell’edizione 2018/2019 del programma Sci-Tech Challenge”.

“La tecnologia sarà la chiave di volta e sarà quindi fondamentale assicurare le professionalità e le competenze necessarie a promuoverne lo sviluppo e il progresso- ha affermato Gianni Murano, presidente e amministratore delegato della Esso italiana- con questo programma cerchiamo di stimolare i giovani a riconoscere i propri talenti e a scegliere percorsi formativi che possano esaltarli”.

Dello stesso avviso anche Antonio Perdichizzi, presidente di Junior Achievement Italia: “Il mercato del lavoro ricerca sempre di più competenze trasversali e tecnico-scientifiche ed è per questo essenziale assicurare agli studenti delle scuole superiori momenti formativi di qualità nel settore STEM come il programma Sci-Tech Challenge”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it