Maturità: da poesie a tabelle, così inizierà esame orale

Maturità: da poesie a tabelle, così inizierà esame orale

Nelle linee guida rivolte ai docenti le novità del colloquio
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Una poesia, un grafico, la foto di un monumento o un articolo di giornale, ma anche riproduzioni di quadri e tabelle con dati. Sono solo alcuni dei materiali che i futuri maturandi potranno trovare nelle buste con cui si aprirà la prova orale del nuovo esame di Stato.

Al posto della vecchia tesina, infatti, a rompere il ghiaccio ci sarà una trattazione pluridisciplinare che trae spunto non da una serie di domande preimpostate, ma da un materiale scelto dalla commissione e sorteggiato dal candidato tra tre opzioni. Per ogni classe i docenti dovranno predisporre un numero di buste pari a quello dei candidati più due, e ogni studente potrà scegliere a quale delle tre buste affidare la propria sorte.

I materiali, scelti tenendo conto dell’indirizzo scolastico e del percorso svolto, dovranno essere selezionati in un’apposita sessione, ma non e’ stato ancora precisato quando verrà organizzata. La riunione, infatti, potrebbe tenersi subito dopo lo svolgimento delle prove scritte oppure dopo la loro correzione, nei giorni antecedenti il colloquio.

Il contenuto della busta sarà un incipit da cui partirà il colloquio orale, che tratterà anche dei percorsi svolti in alternanza scuola-lavoro e delle competenze maturate nelle attivita’ di ‘Cittadinanza e Costituzione’, per poi passare all’analisi delle prove scritte. Il contenuto della busta potrà riferirsi anche a “situazioni problematiche legate alla specificità dell’indirizzo” e approfondire esperienze e progetti concernenti percorsi didattici realizzati.

Una procedura nuova che mira a “verificare l’acquisizione dei contenuti e dei metodi propri delle singole discipline, nonché la capacità di utilizzare le conoscenze acquisite e metterle in relazione per argomentare in maniera critica e personale, utilizzando anche la lingua straniera”, si legge dall’ordinanza del 15 maggio che descrive le caratteristiche del nuovo esame di maturità.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it