Siamo tutti uguali, studenti ic Stanziale lo dicono con il cinema

Siamo tutti uguali, studenti ic Stanziale lo dicono con il cinema

Il lavoro dei ragazzi di San Giorgio a Cremano
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

NAPOLI – “Gli uomini e le donne sono uguali, ma allora perché alcuni uomini picchiano le donne? Perché esistono razzismo e bullismo?”. Sono queste alcune delle domande alle quali la ID dell’istituto comprensivo Stanziale di San Giorgio a Cremano (Napoli) tenta di rispondere in un video realizzato grazie al progetto ‘cinema a scuola’ in collaborazione con l’agenzia di stampa Dire e diregiovani.it, nell’ambito nell’ambito del Piano Nazionale Cinema per la Scuola promosso da MIUR e MIBAC.

La classe dell’istituto vesuviano è stata selezionata per questo progetto che si propone di lavorare e lottare, attraverso la settima arte, contro tutte le discriminazioni. “Ogni ragazzo ha espresso un suo pensiero riguardante la discriminazione di genere, il bullismo e il razzismo- ha detto la professoressa Grifo che ha seguito insieme agli esperti i ragazzi- questo progetto ha consentito agli studenti di capire l’importanza che ha l’immagine e il suono della comunicazione”.

“Non è un uomo quello che picchia una donna, non è un uomo quella che la uccide”, questo è il messaggio forte degli studenti contro la violenza e la discriminazione di genere, fenomeno che spesso degenera e sfocia nel femminicidio. Brenda, Federica, Mattia, Raffaele e gli altri compagni non ci stanno e attraverso questo video non solo condannano i fenomeni mossi “dal massimo odio con il minimo di ragione” ma ci mettono la faccia. E i loro sorrisi.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it