Born2code, academy Groupama per programmatori di domani

Born2code, Academy Groupama per programmatori di domani

A Roma l'evento finale dell'iniziativa che ha coinvolto 14 ragazzi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Tre mesi per diventare professionisti del coding e dell’information tecnology. Per i quattordici talenti dell’Academy ‘born2code’ si è chiusa oggi l’avventura che li ha accompagnati nel mondo della programmazione. Un percorso formativo promosso da Groupama che, dopo il successo della prima edizione, torna per dare ai ragazzi competenze e strumenti per diventare sviluppatori web e mobile. Questa mattina l’innovativo hub LVenture di Roma, dove si sono svolti i corsi, ha ospitato la cerimonia di chiusura dell’Academy.

Questa festa è la fine di un inizio– ha commentato Pierre Cordier, amministratore delegato e direttore generale di Groupama Assicurazioni- dopo l’edizione 2017, il 95% dei ragazzi ha trovato un impiego“. “Quest’anno, i 14 giovani sono stati formati su diverse tecnologie di coding con un approccio molto pratico e operativo– ha proseguito Cordier, intervistato dall’agenzia Dire- Spesso il lavoro di squadra eèun aspetto che nell’ambiente scolastico rimane indietro, mentre qui i ragazzi vengono inseriti in una situazione reale di lavoro aziendale“.

Età media 25 anni, provenienti dall’Italia e dall’estero, i giovani selezionati sono stati scelti tra 140 candidati. “Tre mesi intensi in cui siamo stati impegnati dalla mattina alla sera- ha raccontato Mario, 29 anni- ma è stata un’esperienza stimolante, in un ambiente innovativo e giovanile”. Il corso è appena finito, ma i ragazzi hanno già iniziato a mandare curriculum, con la certezza che potranno “scegliere dove andare”, come ha affermato Mario.

“Mai come oggi dobbiamo investire nei giovani, che sono il nostro futuro- ha sottolineato Maria Bianca Farina, presidente di Ania- dobbiamo far sì che i ragazzi siano in grado di affrontare le sfide di un sistema produttivo in trasformazione, e l’innovazione è la risposta più appropriata ai cambiamenti in atto”. Un’innovazione che deve partire anche dalla mentalità, spesso ancora vittima dei pregiudizi, come quelli di genere.

“Il settore dell’informatica non parla al femminile a causa di un vecchio stereotipo di genere- ha spiegato Chiara Russo, di Codemotion- ma bisogna lavorare già dalle elementari per avvicinare le ragazze alla tecnologia e alle discipline stem”. Anche perché “è un mondo aperto a tutti che non conosce discriminazione di genere- ha commentato Chiara, una tra le giovani partecipanti dell’Academy- per me è stata una bellissima esperienza, e ora spero di continuare a lavorare in questo settore”.

Tra i partner del progetto, anche il museo nazionale Maxxi, per dimostrare che arte e tecnologia non sono in contraddizione. Per Pietro Barrera, segretario generale Maxxi, “la professionalità artistica e quella tecnica si possono incontrare”. Il Museo nazionale delle arti del XXI Secolo, che si trova a Roma, entro l’estate del prossimo anno aprirà una sede a L’Aquila, all’interno di un edificio settecentesco semidistrutto dal terremoto e ricostruito.

“L’Aquila è un luogo in cui la bellezza sta tornando- ha aggiunto Barrera- ed è l’esempio di una città sede di cultura ma anche innovazione”. Ripartire, quindi, dalle idee dei giovani, per dare forma ad un domani ricco di opportunità. 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it