Game of Thrones? Meglio del porno. Ecco perché

Game of Thrones? Meglio del porno. Ecco perché

Lo sostiene la sessuologa Rosamaria Spina, intervenuta nel corso del programma “Genetica Oggi” condotto da Andrea Lupoli su Radio Cusano Campus.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Serie tv come il Trono di Spade (Game of Thrones) possono favorire il sesso e, per certi versi, sono meglio del porno.
Lo sostiene la sessuologa Rosamaria Spina, intervenuta nel corso del programma “Genetica Oggi” condotto da Andrea Lupoli su Radio Cusano Campus.

“Le serie televisive su Netflix o Sky hanno favorito nel tempo i rapporti sessuali. Fare sesso con una serie – ha detto la Dott.ssa Spina– crea una ‘scusa’ per creare una situazione inizialmente molto tranquilla o soft che poi può mutare in qualcosa di diverso. Si crea un’occasione di aggancio per la partner sessuale o il partner: ‘Sali in casa da me a vedere una puntata e poi magari chissà se la si guarderà mai…’ “

Da un punto di vista della sessualità, serie tv come Game of Thrones avrebbero un effetto più “afrodisiaco” di un film porno. La visione di scene di sesso esplicite, infatti, potrebbe innescare un rapporto sessuale. 

“Nel Trono di spade, con scene di nudo e di sesso, abbiamo una sessualità diretta ed esplicita senza censure” – prosegue la dottoressa Spina. “Nel pubblico giovane le serie tv come questa possono essere molto più utili di un porno che invece distorce la realtà. Nelle serie tv la sessualità, anche quella esplicita, è comunque più veritiera rispetto alla pornografia. La visione del Trono di spade, o di una serie tv con scene di sesso esplicite, potrebbe anche innescare un rapporto sessuale. Solitamente quando si guarda una serie abbiamo già la situazione giusta con la luce soffusa, il divano, l’essere seduti vicini o distesi e questo favorisce la complicità, se poi aggiungiamo la componente visiva, che gioca un impatto molto forte, abbiamo una combinazione erotica o eccitante davvero interessante.”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it