Kenneth Obodo protagonista del convegno su diritti umani e razzismo

Kenneth Obodo protagonista del convegno su diritti umani e razzismo

ll capitano della Vibonese si racconta agli alunni del liceo 'Morelli' di Vibo Valentia
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Bisogna sempre parlare ai giovani di questi temi e soprattutto metterli in guardia sul razzismo e sulla violenza, dentro e fuori gli stadi, perché purtroppo non c’è ancora nessun cambiamento”. Kenneth Obodo è stato il protagonista del convegno, dedicato ai diritti umani e al razzismo, che si è tenuto al liceo classico ‘M. Morelli’ di Vibo Valentia. L’evento fa parte di un progetto più ampio della Lega Pro, riservato alle scuole, e che la Vibonese, squadra di serie C, sta portando avanti in tutta la Calabria.

Kenneth, nato in Nigeria 33 anni fa, è diventato un idolo tra i giovani di Vibo ed è riuscito ad indossare la fascia da capitano della propria squadra. È il fratello minore di Christian Obodo che ha militato nella massima serie con Udinese e Fiorentina, passato alle cronache anche per aver risolto, con la fuga, un rapimento con richiesta di riscatto, avvenuto nel 2012 a Warri, sua città natale.

Kenneth partecipa a tutte le iniziative a sfondo sociale organizzate dal club, ed insieme ai compagni di squadra promuove il valore dello sport tra gli studenti delle scuole di ogni grado. “Per fortuna, a Vibo Valentia, non si verificano casi di razzismo- ha dichiarato Obodo- però in altri posti sì, ed è importante parlare di questi argomenti per riuscire a cambiare”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it