L'intimità emotiva del sesso in adolescenza.

L’intimità emotiva del sesso in adolescenza.

Una domanda frequente che l’uomo si pone è quanto conti l’aspetto psicologico nella sessualità. La sessualità è un fenomeno molto complesso che coinvolge fattori biologici, psicologici (emotivo-affettivi), contestuali, sociali e culturali.

Nell’attività sessuale vengono implicati diversi organi, sistemi e strutture del corpo umano come per esempio il sistema nervoso centrale e periferico, l’apparato circolatorio e muscolare, il sistema endocrino ed altri ancora.
L’attività sessuale, quindi, coinvolge l’individuo nella sua totalità facendogli vivere sentimenti, emozioni e fantasie.

La sessualità è parte integrante della formazione dell’identità dell’essere umano; in particolare nel periodo della preadolescenza e dell’adolescenza è spesso un mezzo per raggiungere altri obiettivi, come per esempio la rassicurazione sulla propria identità, l’affermazione nella relazione con gli altri e del proprio ruolo di adulto, il conformarsi al gruppo e alle aspettative sociali. A livello più strettamente individuale, la sessualità può servire a diminuire il senso di solitudine o gli stati d’ansia, soprattutto quando questi sono legati alla difficoltà di relazionarsi con gli altri.

È importante che sin dall’adolescenza il ragazzo impari a riconoscere, accettare il proprio corpo e ad integrare la corporeità con gli aspetti emotivi, affettivi e relazionali, determinanti per vivere una relazione di reciprocità. Si può passare dall’amare se stessi nell’altro all’amare l’altro, nelle sue diversità, accettandone i limiti e mettendo insieme le proprie energie e risorse.
Nella preadolescenza e nell’adolescenza il corpo diventa il luogo privilegiato delle trasformazioni e delle ri-definizioni oltre che espressione di un divenire psichico; i ragazzi si confrontano di volta in volta con sentimenti di frustrazione, perdita e confusione.

Nelle scuole sono stati realizzati dagli psicologi dell’IdO degli interventi per sensibilizzare i ragazzi sull’importanza di considerare la sessualità come una possibilità di contatto con l’altro, di avvicinamento intimo e di scambio emotivo-affettivo.
Si è cercato di condividere con i ragazzi l’idea che l’intimità e il legame profondo richiedono impegno e responsabilità. È emerso che i legami intimi presuppongono l’integrazione di emozioni piacevoli e spiacevoli.
A volte i ragazzi hanno negato le proprie emozioni come se riconoscerle fosse un segno di debolezza ( “Sono talmente una roccia che non provo emozioni” “non sento niente” ecc…).

È di fondamentale importanza promuovere nelle scuole l’educazione sessuale e affettiva evitando che scuola e famiglia si deleghino l’un l’altra tale compito. Ciò può avvenire solo con l’instaurarsi di una relazione di fiducia tra l’adulto e il giovane, promuovendo una comunicazione autentica, fatta di comprensione, disponibilità e sospensione del giudizio.
Come dice Winnicott “soltanto in un’atmosfera creata dalla maturità degli adulti, l’adolescente può scoprire dentro di sé il desiderio, fisico e spirituale, di unione con un altro corpo e un altro spirito”.

Lo sapevi che….

La parola “coppia” deriva dal latino “copula”, che significa congiunzione, legame, insieme. Incontrando la coppia s’’incontra un organismo complesso dotato di un’economia affettiva che trascende l’individualità. 

La sessuologia è entrata solo recentemente nel campo delle scienze. Un aspetto della sessuologia è mettere al centro dell’attenzione l’uomo, il suo corpo, le sue emozioni, il suo piacere e i suoi pensieri (Fenelli & Lorenzini, 2001).

Robert Neuburger (2001) definisce la coppia come la storia di un incontro che dura, cioè di due persone che si sono incontrate e che per varie ragioni non si separano; sono persone che dal momento in cui si sono conosciute hanno stabilito un legame molto particolare, che le porta ad essere parte di una microistituzione che si definisce “Coppia”. 

Molti altri studi dimostrano che la sessualità umana è essenzialmente psichica. Sono noti i contributi antropologici degli studiosi di psicoanalisi (Roheim, 1950), recentemente ripresi da Pauletta D’Anna (1936a, b) in cui si mostra come la sessualità, in ogni sua manifestazione e al di fuori del concetto di normalità-patologia, sia determinata dal gruppo sociale.

Dubbi e domande…

Ludovica,
Vorrei capire se gli interesso o se mi usa solo quando ne ha bisogno….
Anonima,
Inoltre una delle volte in cui siamo usciti mi ha anche chiesto di fare l’amore e la cosa mi ha messo ansia…


Dal film Il mandolino del Capitano Corelli un bel discorso per descrivere cosa è l’amore…

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it