Prada e Miu Miu dicono addio alle pellicce

Prada e Miu Miu dicono addio alle pellicce

Il gruppo si unisce alla lista dei marchi moda e lusso «fur free». Prodotti etici e innovativi a partire dalla collezione primavera/estate 2020
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
Roma – Niente più pellicce animali per Prada e Miu Miu. «Il Gruppo Prada s’impegna per l’innovazione e la responsabilità sociale. La nostra politica anti-pelliccia è un’estensione di tale impegno. Concentrarsi su materiali innovativi consentirà all’azienda di esplorare nuovi confini della creatività, soddisfacendo al contempo la domanda di prodotti etici». A dichiarlarlo alla stampa è Miuccia Prada. La promessa prende il via già da settembre quando in passerella vedremo sfilare la collezione primavera estate 2020. La decisione è frutto del dialogo positivo tra Prada e la Fur-Free Program, lo Standard realizzato a livello internazionale che identifica le aziende impegnate contro lo sfruttamento degli animali per la loro pelliccia. Joh Vinding, Presidente della Fur Free Alliance, ha applaudito il gruppo milanese per la scelta: «Il gruppo Prada si unisce ora a un elenco crescente di marchi senza pelliccia che rispondono al cambiamento di atteggiamento dei consumatori verso gli animali».
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it