Nelle scuole del Lazio arriva Capitan Ambiente

Nelle scuole del Lazio arriva Capitan Ambiente

Il supereroe è il protagonista della campagna di educazione ambientale promossa della Regione Lazio
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – L’educazione alla corretta raccolta differenziata passa per tanti strumenti. La Regione Lazio per sensibilizzare i bambini al riciclo dei materiali di scarto e alla riduzione di quelli che vanno in discarica, ha deciso di puntare sul fumetto e sui cartoni animati. Il protagonista è Capitan Ambiente, il piccolo supereroe che incarna la campagna di educazione ambientale promossa dall’Amministrazione guidata da Nicola Zingaretti incentrata sia sulla raccolta differenziata che sullo spreco alimentare.

La campagna di Capitan Ambiente si articola in un fumetto e un cartone animato in sei episodi distribuiti in 30.000 copie (la Regione sta lavorando anche con le sale cinematografiche per fare trasmettere il cartone nelle sale prima dell’inizio delle proiezioni), oltre a una serie di incontri negli istituti scolastici primari per illustrare ai bambini i comportamenti virtuosi che possono contribuire alla tutela dell’ambiente e al decoro delle città. L’iniziativa è stata presentata in Regione alla presenza dell’assessore regionale, Massimiliano Valeriani, dei ragazzi dell’istituto comprensivo di Zagarolo (Comune di cui era presente anche l’assessore all’Ambiente, Emanuela Panzironi) e dell’istituto San Nilo di Grottaferrata.

Accanto al nuovo Piano regionale rifiuti e agli investimenti per favorire la riduzione degli scarti e lo sviluppo della raccolta differenziata, la Regione ha infatti sostenuto diverse iniziative all’interno del progetto ‘Lazio plastic free’: 5 azioni in dieci mosse per favorire la svolta green attraverso la tutela dell’ambiente.

Nel pieno rispetto del principio delle 5R-Riduci, Recupera, Ricicla, Rigenera, Riusa – il piano prevede la riduzione degli imballaggi in plastica e il contrasto al consumo della plastica monouso, il progetto sperimentale per il recupero e il riciclo della plastica in mare e l’istituzione della figura del Green manager per promuovere la diminuzione della produzione dei rifiuti e la corretta applicazione della raccolta differenziata in tutte le grandi istituzioni pubbliche e private della nostra regione. Fino alle campagne di educazione ambientale e contrasto allo spreco alimentare nelle scuole elementari di Roma e del Lazio e allo stanziamento di circa 200mila euro per progetti Plastic Free promossi da Università ed istituti superiori del Lazio.

VALERIANI: BIMBI FONDAMENTALI PER FARE CAPIRE DIFFERENZIATA A FAMIGLIE

“È fondamentale investire sul futuro con campagne informative di sensibilizzazione rivolte a studenti e ragazzi, per noi rappresenta un investimento importantissimo. Attraverso Capitan Ambiente ci rivolgiamo ai bambini, perché loro possono essere molto più utili nella famiglia per far comprendere quanto è importante fare la differenziata, acquisire buone pratiche”. Cosi’ l’assessore regionale ai Rifiuti, Massimiliano Valeriani. “Migliorare si può ed è possibile anche attraverso piccole cose. Questa campagna entrerà in tutte le scuole del Lazio. Abbiamo prodotto 30 mila fumetti di Capitan Ambiente, che spiega come fare la raccolta differenziata, come evitare lo spreco del cibo. Abbiamo prodotto dei cartoni animati con un linguaggio semplice che può spiegare ai bambini cose molto importanti, come il rispetto dell’ambiente. Su questo stiamo investendo moltissimo- ha concluso Valeriani- Crediamo che questo sia un elemento fondamentale per fare del Lazio una Regione all’avanguardia per la tutela ambientale”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it