MARUEGO diventa MaRue e torna con un nuovo singolo, "Bunga Bunga"

MARUEGO diventa MaRue e torna con un nuovo singolo, “Bunga Bunga”

Disponibile da oggi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Ha cambiato nome d’arte e torna con un nuovo singolo. MaRue, prima Maruego, pubblica “Bunga Bunga”. Il brano è disponibile da oggi su SpotifyiTunes e tutte le principali piattaforme digitali per la sua label La Crème Records.

Bunga Bunga” rappresenta a pieno le nuove sfumature artistiche del rapper. A partire dalla produzione, curata dal beatmaker Busojamz, che unisce le sonorità della dancehall a quelle della trap arabeggiante e all’elettronica. Il brano si ispira alle celebri vicende dell’ex Presidente del Consiglio per raccontare la confusione in cui versa la società attuale: un mondo caotico, frenetico, in continua evoluzione, popolato da uomini che comunicano tra di loro con slang e linguaggi tribali.

MaRue è stato uno tra i primi a proporre una trap italiana che suoni al contempo di respiro internazionale. I suoi testi, in cui spesso ha unito arabo e italiano, insieme al suo vissuto conferiscono ai brani dell’artista un carisma che pochi altri nella scena italiana possono vantare. Nato nel 1992 in Marocco ma cresciuto a Milano, ha lavorato fin dall’adolescenza alla sua musica. 

Nel 2013 decide che era arrivato il momento di costruirsi una carriera e iniziò a far uscire i suoi primi video autoprodotti. 

In questo periodo collabora con Sfera Ebbasta, con i singoli “Savoir Faire” e “Criminale” e i relativi video girati con lui in Marocco, che attirano l’interesse di Gue Pequeno, con cui incide il brano “Nuova ex”, contenuto all’interno del primo EP di MaRue “Che ne sai” pubblicato nel 2014. 

Nello stesso lavoro è presente anche un duetto con Tormento, ex membro dei Sottotono, in “Che ne sai”, e il brano “Cioccolata” ft. Caneda, diventato virale con milioni di visualizzazioni. Nel 2015 torna a collaborare con Gue Pequeno, quando i Club Dogo lo invitano a partecipare all’album “Non siamo più quelli di Mi Fist”: insieme al trio composto da Pequeno, Jake La Furia e Don Joe il rapper incide il remix di “Zarro!” Nel maggio 2015, ha firmato con Carosello Records per l’album “MITB”. Tra i brani “Sulla stessa barca”, canzone che affronta il tema dell’immigrazione seguita dal video, segnalato da Vevo tra i migliori del 2015 a livello mondiale.

Nel frattempo apre il concerto di Nicki Minaj all’Estaté Market Sound di Milano e quello di Snoop Dogg a Napoli, partecipa al disco solista di Don Joe “Ora o mai più” (“Tutto apposto”) e continua la collaborazione con Gué Pequeno (“Tu non sai” e “Occhi su di me”) e una con Emis Killa (“Casinò”). Nel 2016 ha collaborato con Emis Killa nella canzone “Buonanotte” e ha pubblicato numerosi singoli, tra i quali “Narcos”, brano influenzato dalla omonima serie Netflix.

A giugno 2017 ha pubblicato il suo primo album ufficiale intitolato “Tra lo Zenith e il Nadir”, con all’interno collaborazioni con artisti del calibro di Emis Killa, Jake La Furia, Guè Pequeno e Fabri Fibra. Dopo un lungo periodo di DJ set, l’artista ha deciso di dare una svolta alla propria carriera artistica dedicandosi alla stesura di un libro autobiografico, intitolato “Autotune”, edito da Bompiani lo scorso anno. Un libro ispirato alla vita di MaRue, uomo e artista. 

Il cambiamento di MaRue sarà completato con l’uscita dell’artista dal roster di Carosello per fondare una propria etichetta discografica, “La Crème Records”, con cui ha pubblicato il brano “Finito” a Ottobre 2018.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it