La vera storia di Soledad Rosas: una ragazza tra amore e rivoluzione

VIDEO| La vera storia di Soledad Rosas: una ragazza tra amore e rivoluzione

Dal 13 giugno al cinema
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Ua storia vera fatta di amore e di rivoluzione è quella raccontata in Soledad, il debutto alla regia di Agustina Macri. Presentato in anteprima all’ultima edizione di Alice nella Città, sezione autonoma e parallela della Festa del Cinema di Roma, il film arriva al cinema dal 13 giugno.

Ispirato al romanzo ‘Amore e Anarchia’ del giornalista e scrittore argentino Martín Caparrós, il film narra la storia vera di Soledad Rosas. Nata e cresciuta in una famiglia conservatrice di classe media, Soledad arriva in Italia dall’Argentina nel 1997, all’età di 23 anni. Si trasferisce in una casa occupata a Torino dove incontra Edoardo Massari, con il quale ha un’intensa storia d’amore. Il 5 marzo 1998 la coppia viene arrestata e accusata di atti di terrorismo contro la costruzione della rete ferroviaria ad alta velocità. Il 23 marzo Edoardo Massari viene trovato morto nella sua cella in prigione. L’11 luglio Soledad viene trovata morta nel bagno della casa dove viveva agli arresti domiciliari. Nel 2002 la Corte di Cassazione ha lasciato cadere l’accusa di sovversione e terrorismo per mancanza di prove.

In questa storia Soledad Rosas emerge come un’icona degli anni ‘90, una Giulietta postmoderna che ci dimostra che si può credere ancora nell’amore fino a morirne”, spiega la regista.In un mondo in cui ci troviamo sempre più immersi in scelte superficiali e superflue, la motivazione di Soledad diventa un’utopia, un anacronismo romantico che vale la pena raccontare e scoprire”.

Soledad, la scheda tecnica

Il film, una co-produzione italo-argentina di 39FILMS e Cinema 7, vede nel cast Vera Spinetta nel ruolo di Soledad, Giulio Corso nel ruolo di Edoardo Massari alias “Baleno”, mentre Marco Leonardi interpreta Belmonte e Marco Cocci è Silvano. Soledad è scritto da Agustina Macri e Paolo Logli e prodotto da Alfredo Federico, Rodrigo H. Vila, Fernando Sulichin e Guillermo Rossi per l’Argentina, mentre Simona Banchi e Dalila Zaritzky sono i produttori esecutivi.

Agustina Macri, bio

Regista e sociologa di formazione, Agustina Macri attualmente sviluppa e produce progetti di film e documentari in vari paesi mondo. È legata alla squadra di documentaristi di Oliver Stone e ha diretto diversi progetti audiovisivi per iconici gruppi rock argentini e ha diretto il backstage del documentario del Cirque du Soleil, su Soda Stereo, SE7TIMO dia.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it