Milano, al via scambi culturali con STS Education

Milano, al via scambi culturali con STS Education

Un anno di studio all’estero per più di 300 studenti
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

MILANO – ‘Go abroad!’, ovvero ‘vai all’estero!’. È la scritta stampata sulle magliette gialle dei circa 315 studenti, provenienti da Lombardia e nord Italia, che sono in procinto di partire per trascorrere il loro quarto anno di studi all’estero coi programmi di ‘STS Education’, l’organizzazione svedese presente in 11 paesi che dal 1958 organizza scambi culturali, formazione linguistica avanzata e anni di studio all’estero. 

Gli studenti si sono radunati in plenaria questa mattina al cinema Plinius di Milano per ‘STS High School Meeting’, un primo incontro di conoscenza e preparazione al viaggio, mentre nel pomeriggio parteciperanno a workshop specifici per ogni destinazione. 
 

Lo staff, composto anche da ex studenti rientrati, promette che quello che sta per cominciare sarà “l’anno migliore della loro vita”. Così infatti Beate Lenzbauer, country manager di STS Italia: “il nostro staff conosce benissimo tutti i 18 paesi in cui andrete. 
Siamo le persone che siamo grazie all’ospitalità che abbiamo sempre ricevuto nei nostri viaggi all’estero da persone di ogni classe ed estrazione sociale. Io vi auguro che potrete fare una grande esperienza grazie alle persone che vi daranno affetto e felicità. Io vi voglio dire che siete ragazzi privilegiati: 1 ragazzo su 1080 in Italia beneficia di un programma di exchange all’estero. Non è poco permettersi questa esperienza. Ma se siete qui è anche perché siete grintosi, avventurosi e senza paura. Perché quando sarete fuori sarete diversi e non sarà facile, ma quando tornerete sarete diversi un’altra volta, avrete vedute più ampie e un respiro internazionale di cui godrete per tutta la vita. Siete tutti i piccoli eroi del vostro prossimo anno”.
 
L’exchange organizzato da STS è un anno di studio in una scuola di un altro paese, non certo un’assenza dalla scuola italiana, con la possibilità di farsi riconoscere ore di alternanza scuola-lavoro e crediti validi per la maturità, “a patto che non abbiate debiti!” ha punzecchiato gli studenti Marina Di Giuseppe, coordinatrice programmi scuola di STS Education Italia, che ha poi spiegato dettagliatamente tutti gli aspetti dell’esperienza all’estero e i servizi di assistenza garantiti da STS.
 
Tutti pronti, quindi, a superare ogni difficoltà, imprevisti, cancellazioni, problemi di vita quotidiana, ma soprattutto ad aprirsi e conoscere il mondo. 
 va
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it